Stati:«precari Arta in servizio fino a nuovo concorso»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2943

ABRUZZO. «Entro la prossima settimana, di concerto con il settore personale della Regione, definiremo, per l'attuazione di Progetti e convenzioni dell'Arta, una selezione pubblica a tempo determinato per 43 unità, amministrativi e tecnici».

Lo ha detto l'assessore all'ambiente Daniela Stati a proposito della situazione del personale precario dell'Agenzia regionale.
«La salvaguardia dei posti di lavoro - ha aggiunto l'assessore - è una priorità, specie se riguarda personale che ha acquisito esperienza e professionalità, essenziale per lo svolgimento dell'attività dell'agenzia e da diversi anni lavora a stretto contatto con il personale di ruolo. La spiacevole situazione che si è venuta a creare merita però una riflessione. Lo scorso 31 dicembre io e l'assessore alle Risorse Umane, Federica Carpineta, prendemmo parte a una lunga riunione con la direzione del settore personale della Regione Abruzzo e dell'Arta per tentare di individuare possibili soluzioni per risolvere la questione del rinnovo del contratto. Purtroppo, ci sono state delle difficoltà evidenti che non hanno permesso di procedere nella direzione auspicata. Non voglio fare processi a nessuno ma qualcosa evidentemente non ha funzionato o non è stato fatta come si doveva. Ciò non è ammissibile, proprio per rispetto dei tanti precari che hanno lavorato con scrupolo e passione. Tuttavia siamo a buon punto per la soluzione del problema».
Nelle more dell'espletamento delle procedure concorsuali, proprio per dare continuità ai progetti dell'Arta, verrà utilizzato il personale precario già in servizio per una durata massima di tre mesi, periodo necessario per completare le assunzioni a tempo determinato.
«Certamente - ha concluso Stati - nei prossimi mesi dovremo valutare insieme alle forze sindacali un piano definitivo per risolvere il problema-precari che, da troppi anni, anche l'Arta si porta dietro. In ultimo va dato atto al senso di responsabilità e alla moderazione con la quale i rappresentati sindacali hanno affrontato il problema del mancato rinnovo di contratti, consci delle difficoltà. Con questo spirito collaborativo sono certa che non sarà difficile trovare le giuste soluzioni».
08/01/2010 15.25