Terremoto. Giuliani:«radon in salita». Prefettura:«Nessuna allerta»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

39551

L’AQUILA. La zona de L’Aquila in queste ore è stata interessata da ripetute scosse. «Il Radon è 4500 volte sopra la soglia», Giampaolo Giuliani invita a mantenere la calma ma a prestare la massima attenzione per le prossime 24 ore.
Ieri sera una scossa di magnitudo 3.2. Questa mattina alle 9,43 una scossa di terremoto di magnitudo 2.9 e' stata avvertita nella zona Velino-Sirente.
Le località prossime all'epicentro sono Ocre, Fossa, L'Aquila, Lucoli e Collimento.
Giampaolo Giuliani, il tecnico che da anni studia la connessione tra terremoti e gas radon al telefono con PrimaDaNoi.it ha parlato di una successione più articolata di scosse: «oltre al 3.2 di ieri sera, questa mattina ancora 1.8, 1.9, 2.9, 2.0, 2.2. Quindi siamo in incremento».
«Non mi terrorizzi le persone», chiede Giuliani, «ma tutti devono stare all'erta. Il Radon è 4500 volte sopra la soglia e siamo all'allerta 3».
Cosa significa “allerta 3”?
«E' una scala da 1 a 5 che ho creato io affinchè la gente possa regolarsi di conseguenza. Ora siamo a livello 3 in aumento».
La Protezione Civile e i sismologi ''ufficiali'' da tempo ritengono non attendibili le previsioni del tecnico che però continua a monitorare la situazione in tutta la provincia dell'Aquila.
Spesso accusato di creare allarmismo tra i cittadini è però guardato con estrema fiducia dagli aquilani che spesso chiedono un suo parere.

LA SCALA DI GIULIANI

La scala di Giuliani è così composta: Allerta1: calma sismogenetica;  allerta 2: eventi strumentali; allerta 3: eventi udibili dalla popolazione; allerta 4: forti terremoti (magnitudo superiore a 5.5); allerta 5: Fortissimi terremoti.
Giuliani fornisce anche una localizzazione approssimativa dei fenomeni tellurici che i suoi rilevatori sparsi nel territorio registrano.
«Si tratta del territorio circoscritto in un raggio di 20-25 km intorno al bacino dell'aquilano. I comprensori sono dal lago di Campotosto a Barisciano,Villa Sant'Angelo, San Demetrio, Onna, basso aterno ed alto eterno».
«Dato che la distribuzione degli eventi è larga, sparerà uno lì, uno qui uno su uno giù», spiega Giuliani, «l'importante è essere pronti senza panico: chi sta in abitazioni sicure non ha problemi, chi invece sa di stare in abitazioni meno sicure non deve far altro che uscire di casa alla seconda scossa che fa muovere le suppellettili».
L'''allarme'' è di 24 ore ed è partito alle 9 di questa mattina.
Si sa come potrebbe evolvere dopo?
«Ora siamo “allerta 3” in aumento, ma speriamo diminuisca altrimenti prolungheremo nel tempo l'allerta».
Dove si possono trovare i grafici o i dati ai quali lei si rifà?
«No, i grafici sono peccaminosi. Ieri sera ero ad una conferenza, volevo mostrare i grafici alla platea, ma poi mi hanno avvisato un attimo prima e ho deciso di non farli vedere per non spaventare la gente. Dopo un'ora c'è stata la scossa di 3.2».
Più volte Giuliani ha ribadito che leggere i suoi grafici è difficile, mentre è fin troppo facile facile incorrere in errori ed allarmismi ingiustificati quando la lettura è effettuata da una persona non del campo.
Dicendo queste cose non ha paura del “procurato allarme”?
«Io sto solo avvisando le persone che potrebbe esserci un evento sismico, tutto qui. Nessun allarme, solo attenzione».
«Quasi tutti sono in abitazioni sicure quindi tutti tranquilli. Ho più volte spiegato che si deve uscire da casa quando ci sono più eventi sismici ravvicinati. Lo sanno tutti ormai», ha ribadito Giuliani.
 
Manuela Rosa 30/11/09 12.27

LA PREFETTURA DELL'AQUILA:«NON ABBIAMO DIRAMATO ALCUNA ALLERTA»

Nonostante l'invito del diretto interessato, Giuliani, di mantenere la calma e la rassicurazione sulla non pericolosità del suo annuncio, la prefettura ha trasmesso un comunicato nel quale sottolinea di non aver «diffuso nessuna comunicazione».
Le parole del tecnico sono chiare ma si sarebbe comunque ingenerata paura tra i cittadini e la prefettura parla anche di una catena via sms in cui si sarebbero fatti circolare annunci falsi. Questo accade probabilmente anche per la superficialità di chi riporta i contenuti degli articoli dando vita così una pericolosa catena di disinformazione.

30/11/2009 16.07


CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK