Ingorghi per Roma. «L’Anas si sbrighi a rilasciare i pareri preventivi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1272

ABRUZZO. Per una vera competizione e sviluppo della nostra regione i collegamenti viari con la Capitale devono essere veloci e pratici. Questo non succede perchè, oltre ai problemi autostradali, i tempi di percorrenza si allungano a dismisura proprio all'ingresso di Roma. Allo studio c'è un laborioso progetto.

ABRUZZO. Per una vera competizione e sviluppo della nostra regione i
collegamenti viari con la Capitale devono essere veloci e pratici. Questo non
succede perchè, oltre ai problemi autostradali, i tempi di percorrenza si
allungano a dismisura proprio all'ingresso di Roma. Allo studio c'è un laborioso
progetto.



I documenti che non arrivano bloccano l'iter burocratico per il progetto di viabilità per smaltire i tempi di accesso alla capitale.

«Stringere i tempi per il rilascio dei pareri preventivi». Abruzzo Confcommercio è categorica e sollecita il Ministero dei Trasporti, la Regione Lazio, la Provincia e il Comune di Roma a fornire la documentazione richiesta per poter poi portare avanti l'iter burocratico del progetto di viabilità complanare all'asse autostradale.
Il piano dovrebbe risolvere la questione viaria e smaltire i tempi di accesso alla Capitale una volta usciti dal Casello Autostradale di Roma Est, al termine delle Autostrade A24 Teramo-L'Aquila-Roma e A25 Pescara-Roma.
Il problema colpisce non solo i viaggiatori delle province abruzzesi, laziali, marchigiane e pugliesi, ma si riflette, secondo l'associazione dei commercianti «anche sui relativi scambi economici e sui rapporti commerciali con la capitale e viceversa».

Anche la Starda dei Parchi spa condivide la “fretta” di Confcommercio e si sente, giustamente parte in causa. La società che gestisce l'A24 E A25 ha presentato infatti all'Anas, lo scorso 12 gennaio, un progetto per la realizzazione di una viabilità complanare all'asse autostradale. Ma di risposte ancora non se ne vedono.
«L'ultimo progetto», scrive Strada Dei Parchi all'Anas, «inviato il 12 gennaio 2006 da voi al Ministero delle infrastrutture dei trasporti, ad oggi risulta senza risposta. Siamo ancora in attesa di essere convocati dall'Anas prima di poter completare il progetto definitivo delle complanari ed il relativo studio di impatto ambientale. A nostro parere», continua Strada dei Parchi spa, «la realizzazione delle complanari permetterà di separare il traffico di lunga percorrenza lungo l'autostrada da quello locale e risolverà completamente la situazione caotica del traffico nel tratto della barriera di Roma Est e via Togliatti». Non si capisce cosa abbia bloccato la procedura e nemmeno quanto tempo si dovrà ancora aspettare.

Abruzzo Confcommercio ha rivolto un invito a le Giunte regionali, amministrazioni provinciali, Comuni, camere di commercio e prefetture di Abruzzo, Lazio, Marche e Puglia, ad attivarsi per assumere una analoga iniziativa nei confronti del Ministero dei Trasporti, della Regione Lazio, della Provincia di Roma e del Comune di Roma, «compiendo altrettanta opera di sensibilizzazione utile a che il suddetto parere possa essere rilasciato nei tempi più brevi».

25/02/2006 9.26