Industria. Castiglione: «legge quadro di riforma entro novembre»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2759

PESCARA. Presentato questa mattina a Pescara il nuovo Cda di Abruzzo Sviluppo.




Una legge quadro per l'industria sarà pronta entro novembre, avviando una riforma del settore che punti allo snellimento burocratico e alla capacità di arrivare a cogliere le opportunità offerte dai finanziamenti europei in maniera più rapida, senza vincoli e senza nodi.
Lo ha annunciato stamani il vice presidente della Regione e assessore allo Sviluppo economico, Alfredo Castiglione, in occasione della presentazione del nuovo consiglio d'amministrazione dell'ente Abruzzo Sviluppo.
Presidente dell'ente è Nello Rapini, con consiglieri Leandro Verzulli e Salvatore Occhiuto.
«L'ente Abruzzo Sviluppo è il braccio operativo dell'assessorato allo Sviluppo economico - ha sottolineato Castiglione - dal nuovo consiglio d'amministrazione attendiamo perciò grande collaborazione, allo scopo di ridisegnare la geografia economica e produttiva dell'Abruzzo».
Due sono gli obiettivi generali del nuovo consiglio d'amministrazione, concordati con l'assessore Castiglione. Anzitutto la condivisione con il territorio di azioni, attività e progettualità.
A tale scopo sarà istituito in tempi brevi un Comitato tecnico scientifico rappresentativo di tutti i portatori d'interesse locali, come istituzioni, imprese, sindacati, sistema universitario.
Quindi il secondo obiettivo sarà quello di coordinare e concertare le azioni della Regione e in tale ottica verrà istituita una Consulta regionale per lo sviluppo economico, organismo informale che comprenderà i rappresentanti delle Agenzie regionali Fira, Abruzzo Sviluppo e Arit e i direttori regionali delle direzioni relative.
Altri obiettivi indicati dall'assessorato allo Sviluppo economico per Abruzzo Sviluppo sono il coordinamento delle azioni relazionali del sistema economico verso il Governo centrale, l'affiancamento delle aziende regionali per la partecipazione a bandi comunitari, soprattutto nel campo della ricerca e dell'innovazione, la creazione di un sistema regionale della ricerca, come motore di sviluppo economico e sociale del territorio, attraverso l'istituzione di una piattaforma regionale per l'eco-innovazione, il sostegno alla cultura d'impresa, con l'acquisizione da parte di Invitalia spa delle società Sviluppo Italia Abruzzo spa, che ha tre incubatori d'impresa ad Avezzano, Sulmona e Mosciano S.Angelo ed un nuovo disegno del territorio regionale arrivando alla costruzione di cluster o poli d'innovazione, con lo scioglimento dei Consorzi industriali.
21/10/2009 13.09