Neve sul Gran Sasso e Majella. Allerta fiumi nel chietino

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7138

Neve sul Gran Sasso e Majella. Allerta fiumi nel chietino
IL METEO IN TEMPO REALE. L’AQUILA. Temperature al di sotto dello zero e bufera di vento e neve. Il maltempo imperversa ancora sul Gran Sasso dove le cime della catena sono ricoperte di neve a partire dai 1400 metri. (Foto:Marco Amadio) NAUFRAGIO PESCHERECCIO: PROCURA NON AVVIA INCHIESTA


Si contano i danni. Alberi caduti ovunque. Fango e crolli. In molte amministrazioni si sta pensando di chiedere lo stato di calamità naturale mentre si organizzano i lavori per mettere in sicurezza le zone colpite.
A Campo Imperatore la temperatura questa mattina, alle 9, era di -4 gradi, mentre nel corso della notte e' scesa fino a -5.
La coltre bianca ha raggiunto i 10 centimetri.
Nella zona di Montecristo sulla statale di Campo Imperatore sono in azione i mezzi spazzaneve e spargisale. Neve anche sui monti della Laga, sulla Maiella e sul Velino-Sirente.
Ieri a L'Aquila la situazione più difficile: pioggia battente, vento, temperature che sono scese anche di 6-7 gradi nel giro di poche ore.
La città terremotata è entrata improvvisamente nell'inverno, con conseguenti disagi per le persone ancora ospiti delle varie tendopoli, circa 7mila complessivamente.
Intorno alle 18.00, i centralini delle squadre di soccorso sono stati tempestati da numerose chiamate. In molte zone della città è stata registrata l'interruzione dell'erogazione di energia elettrica. Disagi in tendopoli, specie nell'area ovest, con alcune tensostrutture parzialmente divelte. Nel campo universitario di Coppito, l'acqua è entrata nelle tende che ospitano uffici e aule didattiche e il vento eccessivo ha rovesciato un Wc Sebach.
La preoccupazione maggiore adesso è il freddo, con temperature minime stimate anche al di sotto dei 4 gradi, nelle tendopoli d'alta quota e neve prevista sugli Appennini.
Un fattore che ha spinto i residenti di alcuni campi a chiedere il trasferimento all'Aquila.

IL TEMPO PER OGGI

Come conferma Giovanni De Palma di AbruzzoMeteo.it oggi le temperature sono in aumento in mattinata, specie sul versante orientale, tuttavia la tendenza e' verso una generale e sensibile diminuzione a partire dal pomeriggio e in serata.
Torneranno dunque ad affacciarsi schiarite nel corso delle prossime ore, tuttavia l'arrivo di nuovi impulsi di aria fredda daranno luogo alla formazione di annuvolamenti e precipitazioni tra il pomeriggio e la tarda nottata, specie sul versante orientale con rovesci e occasionali manifestazioni temporalesche sulla fascia costiera e sul versante orientale, mentre rovesci di neve interesseranno i rilievi al disopra dei 1200-1400 metri.
Tempo freddo ed instabile anche nel corso dei prossimi giorni con possibile peggioramento nel corso del fine settimana
I venti «inizialmente moderati sud occidentali con rinforzi sul settore centro orientale e nelle principali valli del versante orientale. Dal pomeriggio ruoteranno e proverranno dai quadranti settentrionali rinforzando fino a burrasca».
Il mare «inizialmente poco mosso con moto ondoso in rapido aumento partire dal pomeriggio e in serata».
13/10/2009 10.09

NEVE SULLA MAJELLA, ALLERTA FIUMI NEL CHIETINO

Oltre alla caduta di 10 gradi temperatura, causa l'imbiancamento della Majella, il maltempo della notte scorsa a Lanciano e comprensorio ha creato numerosi disagi.
A Lanciano sono state decine le chiamate ai vigili del fuoco per l'allagamento di abitazioni, rami di albero e cartelloni pubblicitari caduti per strada.
A Castelfrentano, in località Morge, un grosso pino si è abbattuto sul tetto di una casa e gli enormi rami hanno sfondato le tegole. Nessuna conseguenza per i proprietari che si trovano all'interno dell'abitazione.
Allagamenti dei sottopassi stradali a Fossacesia dove sono dovuti intervenire anche i tecnici dell'Enel per riparare cavi dell'alta tensione colpiti e tranciati a seguito della caduta di alberi.
In particolare, il forte vento che ha imperversato in zona é quello che ha creato maggiori problemi sul litorale frentano e che ha portato anche a forti rallentamenti di circolazione sull'autostrada A-14 e sulla S.S. 16. Molto ingrossati i livelli dei fiumi Sangro e Feltrino che vengono monitorati per evitare esondazioni.

NAUFRAGIO PESCHERECCIO: TROVATA TUTA DEL MARITTIMO DISPERSO

E' stata ritrovata la maglia della tuta di Maurizio Fagone, il marittimo di San Benedetto del Tronto scomparso ieri in mare, al largo di Giulianova (Teramo) in seguito al naufragio del peschereccio Diana Madre.
Lo maglia sarebbe stata riconosciuta, sulla spiaggia fra Roseto e Cologna, dalla madre dello scomparso.
Del corpo dell'uomo non vi sono invece ancora tracce, e le ricerche continuano.
Sono all'opera i sommozzatori della Croce Rossa, agenti della Polizia di Stato con un elicottero, mezzi dei vigili del fuoco.
Fagone e' l'unico scomparso per il naufragio del Diana Madre, peschereccio di San Benedetto del Tronto. Gli altri due membri dell'equipaggio si sono salvati.

300 MILA EURO DI DANNI AL MUSEO COLONNA

I tecnici comunali con l'assessore al Patrimonio Seccia hanno monitorato il danno più grave che ha interessato il Museo Vittoria Colonna a Pescara, dov'è stata completamente smantellata la guaina del terrazzo.
Il danno è stato stimato in circa 300mila euro.
Lo ha detto il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia che stamane, dopo un briefing con l'assessore ai Lavori pubblici Gianni Teodoro, ha tracciato un bilancio dell'ondata di maltempo e degli interventi che ancora oggi stanno proseguendo.

NAUFRAGIO PESCHERECCIO: PROCURA NON AVVIA INCHIESTA

Sulla sciagura in mare del motopeschereccio 'Diana Madre', la procura della Repubblica di Teramo non ha aperto alcun fascicolo.
Dagli atti in mano al sostituto procuratore Laura Colica non emergono, infatti, responsabilita' a carico di nessuno anche se questa mattina e' stato ascoltato il comandante della capitaneria di porto di Giulianova che ha avviato un'inchiesta interna.
Proseguono intanto le ricerche per ritrovare Maurizio Fagone, il marinaio disperso dopo l'affondamento del peschereccio.
La pessime condizioni del mare impediscono ai sommozzatori dei vigili del fuoco di Ancona e della Croce Rossa di scendere in acqua. In mattinata sono giunti a Giulianova anche i familiari del disperso. 13/10/2009 18.04


13/10/2009 16.34





LE WEBCAM: LA SITUAZIONE IN ABRUZZO IN TEMPO REALE


A14 SILVI MARINA


A14 CITTA' SANT'ANGELO


A14 GIULIANOVA


A24-A25



A14 ORTONA-LANCIANO-VASTO






 


ROCCARASO




MONTE MAGNOLA




MONTE MAGNOLA



 


 SCERNI


 


AVEZZANO


 


MONTESILVANO


 




MONTE MORRONE




PIZZALTO





PESCOCOSTANZO




ROCCADICAMBIO





ROCCA DI MEZZO





CANZANO




CAPPADOCIA (AQ)





VALLE PELIGNA





LUCOLI




CASTEL DI SANGRO




ALBA ADRIATICA




PESCASSEROLI