Oliit fumata nera, mobilità in arrivo.

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8277

Probabilmente arriverà la mobilità per i lavoratori della Oliit. Lo annuncia una nota della Uil alla fine dell'ennesimo incontro al ministero. Le speranze al lumicino.
Pessime notizie in arrivo anche per la Oliit.
Non c'è stato nulla da fare nell'incontro di ieri per la consultazione sindacale presso il Ministero del Lavoro per la proroga della cassa integrazione Oliit. Lo annuncia la Uil in una nota.
«Il Ministero del lavoro ritiene non sufficienti le condizioni rappresentate dalla Curatela fallimentare», si legge, «con particolare riferimento alle garanzie occupazionali per il prossimo semestre. La Curatela, dal canto suo, annuncia la prossima apertura delle procedure di mobilità. Il 18 ottobre è la data-limite».
Una vertenza che il Governo, nella persona dell'Onorevole Borghini, aveva dato per risolvibile entro lo scorso giugno, ora rischia di precipitare senza che «nessuno degli atti positivi più volte preannunciati si sia realizzato: né l'arrivo delle commesse di Finmeccanica per Chieti, né l'uscita allo scoperto degli imprenditori Americani per Avezzano, né, infine, la proroga della cassa integrazione».
La Uil ritiene urgente l'intervento del Governo, affinché la task force di Borghini e il Ministero del Lavoro parlino la stessa lingua. L'obiettivo è il prolungamento della cassa, dando così alla vertenza tempo aggiuntivo per mettere finalmente in campo le soluzioni industriali. Inoltre il sindacato spinge affinchè sia definito il percorso per arrivare alle conclusioni positive promesse.
Un altro piccolo tassello sta per incastonarsi nel variegato mosaico delle vertenze abruzzesi. 04/10/2005 9.11