Ai contribuenti abruzzesi circa 11 milioni di euro di rimborsi fiscali

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3533

ABRUZZO. Le Agenzie delle Entrate però avvertono: attenzione alle truffe.


Circa 11 milioni di euro di rimborsi fiscali in arrivo per i contribuenti abruzzesi.
E' la somma complessiva che l'Agenzia delle Entrate si appresta ad erogare in questi giorni a quasi 19.000 persone fisiche residenti in Abruzzo.
Si tratta di rimborsi relativi per lo più all'Irpef maturati e richiesti nelle dichiarazioni dei redditi presentate sino al 2007.
I rimborsi possono essere riscossi o mediante accreditamento sul conto corrente bancario o postale, o in contanti presso un qualsiasi ufficio postale esibendo il modulo spedito a domicilio del beneficiario dall'Agenzia delle Entrate, oppure ancora mediante vaglia cambiario della Banca d'Italia.
L'amministrazione finanziaria consiglia, per una più rapida e sicura erogazione del rimborso fiscale, la modalità di accredito sul conto corrente bancario o postale.
Tale modalità, è possibile attivarla comunicando il codice Iban all'Agenzia delle Entrate esclusivamente presentandosi presso uno dei 12 ufficio della regione Abruzzo o in via telematica.
A tale ultimo riguardo, è il caso di precisare che sono pervenute agli uffici dell'Agenzia diverse segnalazioni da parte di contribuenti ai quali sedicenti funzionari del fisco avrebbero fatto richiesta, per via e-mail, utilizzando il nominativo di un vero dipendente dell'Agenzia e ricorrendo alla contraffazione del logo e del dominio, di conoscere le coordinate bancarie, proprio ai fini dell'erogazione di un rimborso fiscale.
L'Agenzia delle Entrate dell'Abruzzo fa sapere che non rientra nella prassi utilizzata richiedere ai contribuenti le coordinate bancarie o altri dati sensibili via e-mail e pertanto invita a prestare particolare attenzione ai tentativi di truffa.
L'Agenzia inoltre dichiara la propria disponibilità, attraverso i propri uffici, a fornire i chiarimenti del caso e invita comunque a segnalare all'Autorità competente episodi del genere.
23/07/2009 14.44