Uil: «Con Confindustria possiamo aprire un dialogo costruttivo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

843

La Uil Abruzzo reagisce alle dichiarazioni di Confindustria manifestando interesse e volontà di dialogo a seguito di quanto dichiarato ieri dal neo-Presidente regionale di Confindustria, Calogero Marrollo.

«Malgrado contengano anche spunti polemici nei confronti del Sindacato», sottolinea Roberto Campo di Uil Abruzzo, «il nostro giudizio complessivo sulle dichiarazioni del neo-Presidente regionale di Confindustria, Marrollo, è di interesse e di apprezzamento. In particolare», sottolinea la Uil, «condividiamo la richiesta di leggi di settore, tra cui quella regionale sulle attività produttive, e gli indirizzi in favore di uno snellimento delle procedure burocratiche».

La Uil vede di buon occhio anche l'auspicio della serenità nelle relazioni industriali. «La pace sociale - chiarisce Uil Abruzzo- va perseguita affrontando i problemi, a partire da quelli gravissimi posti dalle crisi industriali. A questo fine», suggerisce il sindacato, «bisogna che le parti sociali a livello regionale sappiano porsi anche come soggetti dello sviluppo. Siamo convinti», continua il segretario Roberto Campo, «che molto possano fare anche le parti sociali direttamente tra di loro, e non solo nel confronto a tre con il potere politico ai vari livelli. Come Uil, siamo estremamente interessati a dare impulso ad una ripresa di iniziativa comune da parte delle parti sociali, anche superando gli storici limiti dell'esperienza sin qui fatta in Abruzzo a questo proposito».

LEGGI
LA RELAZIONE DI CONFINDUSTRIA ABRUZZO


16/02/2006 15.54