Parlamentari assenteisti Adornato e Marini, "stakanovisti" Mascitelli e Turco

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3390

ROMA. Il primo rapporto “Camere aperte” dell'Osservatorio Civico sul Parlamento italiano ha evidenziato le attività dei parlamentari eletti in tutte le regioni d'Italia e delle circoscrizioni estere.





ROMA. Il primo rapporto “Camere aperte” dell'Osservatorio Civico sul Parlamento italiano ha evidenziato le attività dei parlamentari eletti in tutte le regioni d'Italia e delle circoscrizioni estere.

Il periodo preso in esame è relativo al primo anno dell'attuale legislatura, la sedicesima, da aprile-maggio 2008 ad aprile-maggio 2009.
Il rapporto, presentato ieri mattina a Roma, è stato stilato da tre associazioni: Cittadinanzattiva, Controllo Cittadino e Openpolis.
L'iniziativa misura la quantità dell'attività parlamentare di ciascun rappresentante del popolo, analizzandone il coinvolgimento nei processi legislativi e la presenza alle votazioni elettroniche in aula.
Come nelle previsioni non sono mancate sorprese per quanto riguarda i parlamentari eletti in Abruzzo.
I meno impegnati alla Camera dei Deputati risultano essere Ferdinando Adornato dell'Udc ed al Senato Franco Marini del Pd. I più attivi, secondo l'indagine, risultano essere Alfonso Mascitelli dell'Idv e soprattutto Livia Turco del Pd, che ha fatto registrare un indice di attività di poco inferiore a cinque.
I più assenti alle votazioni in aula sono stati sempre i già citati Marini ed Adornato. I più presenti Andrea Pastore e Paola Pelino, entrambi esponenti del Pdl.

COS'È L'INDICE DI ATTIVITÀ E DI PRESENZA AL VOTO

Il primo analizza il grado di coinvolgimento dei rappresentanti del parlamento italiano nei processi legislativi.
Esso misura quante volte ogni parlamentare è stato primo firmatario o cofirmatario di un atto, quante volte è stato relatore di un processo di legge, quante volte è intervenuto nel dibattito in assemblea ed in quante occasioni lo ha fatto in commissione.
Gli atti analizzati includono disegni di legge, mozioni, interpellanze, interrogazioni a risposta orale e scritta, risoluzione in assemblea, risolutiva o in commissione. L'indice di attività può oscillare tra un massimo di dieci ed un minimo di zero. Questi valori segnano rispettivamente i limiti tra i parlamentari più e meno attivi.
Dal calcolo sono esclusi senatori a vita e parlamentari subentrati di recente.
L'indice di presenza al voto, invece, misura quante volte ogni eletto ha partecipato alle votazioni elettroniche in aula. L'indice è espresso come percentuale di presenza sul totale delle votazioni. Sono esclusi dal calcolo i presidenti ed i vicepresidenti delle Camere in virtù dei loro incarichi istituzionali. Fuori, naturalmente, anche ministri del Governo.

I PARLAMENTARI ELETTI IN ABRUZZO

Seguendo l'indice di attività la più attiva risulta essere Livia Turco, deputata del Partito Democratico, con valore pari a 4,8. Con un indice pari a 4,31 si piazza il senatore Alfonso Mascitelli dell'Italia dei Valori.
Tra i meno presenti il deputato Ferdinando Adornato dell'Udc con 0,42 ed il senatore del Pd Franco Marini, con indice uguale a 0,52.
Per quanto riguarda le assenze ingiustificate, rispettivamente per deputati e senatori, stravincono Ferdinando Adornato assenteista nel 51% delle occasioni e Franco Marini, out nel 67% dei casi. Tra i presenzialisti Paola Pelino ed Andrea Pastore, deputata e senatore del Pdl, assenti rispettivamente solo il 4% e l'1% delle votazioni.
Tra i deputati analizzando i dati complessivi dei parlamentari in base ai collegi elettorali di riferimento, l'Abruzzo in media si piazza per indice di attività soltanto al 18esimo posto con valore di 1,92. Meglio soltanto di Valle d'Aosta e Liguria.
L'Abruzzo si conferma tra le ultime della classe anche per quanto riguarda le presenze al voto con una percentuale del 79%.
Peggio nel primo anno dell'attuale legislatura hanno fatto soltanto Lazio, Molise, Puglia e Trentino Alto Adige.
Anche tra i senatori l'Abruzzo raggiunge un indice di attività tutt'altro che invidiabile.
Solo l'1,95 a pari merito con la Liguria.
Peggio hanno fatto soltanto Campania e Marche. Per quanto riguarda le presenze in aula alle votazioni i parlamentari eletti in Abruzzo sono i peggiori con il magro dato del 70% dei gettoni collezionati. Al penultimo posto i siciliani col 76%.

NEL RESTO D'ITALIA...

A livello nazionale secondo il primo indice i più attivi sono i deputati del Molise (3,9). A ruota il Friuli Venezia Giulia con 3,4 e la Calabria con 2,8. Via via Emilia Romagna e Trentino Alto Adige con indice pari a 2,7. I meno attivi sono i deputati di Lazio, Campania, Valle d'Aosta, Liguria ed appunto Abruzzo.
Tra i senatori i più attivi sono stati eletti in Molise ed Emilia Romagna.
Per quanto riguarda i gettoni di presenza tra i deputati spicca il 98% della Valle d'Aosta seguita da Umbria (91%) e Basilicata (86%). Nei banchi dei senatori bene Friuli, Calabria e Molise.

Andrea Sacchini 17/06/2009 8.49