Vigili del fuoco: Palma conferma:«niente risorse per mezzi e lavoratori»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1922

ABRUZZO. Niente soldi per i Vigili del Fuoco, né per gli automezzi e le attrezzature, né per la riqualificazione delle carriere.

Da qualche giorno i vigili del fuoco erano sul piede di guerra per la mancanza di risorse e il costante impegno profuso (nonostante mille difficoltà) nell'emergenza del terremoto.
Quelle che arrivano oggi, però, non sono buone notizie.
I soldi per i vigili del fuoco non ci sono: è quanto è emerso dall'incontro che si è svolto ieri fra il sottosegretario agli Interni, Nitto Francesco Palma, e la RdB-CUB Pubblico Impiego Vigili del Fuoco.
L'amara conferma segue la conversione in legge del decreto "emergenza Abruzzo" (28 aprile 2009, n. 39), da cui sono stati ritirati gli emendamenti presentati dallo stesso governo che prevedevano risorse per il Corpo dei VV.F.
«Il sottosegretario ha confermato tutte le nostre preoccupazioni», riferisce Antonio Jiritano, della Direzione nazionale RdB-CUB P.I.
«Dovremmo accontentarci di mezzi di soccorso a pezzi, che spesso non superano i 40 Km orari, di un organico insufficiente e sotto gli standard europei, di continuare ad essere allertati via fax per la gestione delle emergenze. Per non parlare di un Contratto di lavoro che non si può rinnovare, perché il governo non ha soldi; di stipendi che definire esigui è un eufemismo; di nessuna certezza sulla assunzione dei precari; di indennità di missione, promesse durante le prime giornate del sisma, ora sparite dall'agenda del governo. Intanto - aggiunge Jiritano - siamo militarizzati a tal punto che non si riesce nemmeno ad aprire un tavolo negoziale dove discutere dell'organizzazione del soccorso nel paese».
«Proprio una bella risposta a chi dal 6 aprile è impegnato giorno e notte, con raddoppio dei turni, per la tutela e l'incolumità delle persone in Abruzzo ed in tutto il paese. Dalla politica ci sentiamo solo sfruttati ed umiliati, al punto di domandarci che senso abbia andare a votare», conclude amaramente il dirigente RdB-CUB.

05/06/2009 14.48.