Ampliamenti edilizi: Federparchi preoccupato per il nuovo decreto del Governo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

844

ABRUZZO. Il presidente di Federparchi Giampiero Sammuri è preoccupato per le conseguenze che l'applicazione di alcune norme nel Decreto del Governo in materia edilizia, avrebbe su tutti i territori delle Aree protette.


In particolare l'associazione unitaria dei parchi riterrebbe inaccettabile la previsione di aumenti automatici di volumetria nelle zone di Riserva e Protezione così definite dalla legge, secondo criteri validi a livello internazionale e contenute in piani frutto di processi partecipati, accettati da tutte le istituzioni interessate alla gestione delle aree naturali più preziose e fragili del Paese.
Rischiosissima sarebbe anche, in generale, la procedura prevista dal Decreto. Essa, consentendo interventi di notevole incremento edilizio e addirittura cambi di destinazione d'uso "in deroga alle disposizioni legislative, agli strumenti urbanistici vigenti e adottati, e ai regolamenti edilizi", «minerebbe concretamente il faticoso, spesso pericoloso, lavoro di recupero della legalità svolto dai tecnici e dagli amministratori dei Parchi», ha spiegato Sammuri.
Inoltre, la necessità da parte degli Enti che gestiscono vincoli ambientali e paesaggistici di dimostrare "concretamente" l'incompatibilità dell'intervento con l'interesse pubblico, «determinerebbe inevitabilmente un amplissimo margine di contenzioso, appesantendo senza giustificazione l'opera di salvaguardia della qualità ambientale e paesaggistica svolta dai Parchi».
La Federparchi «si augura che le notizie diffuse in merito non corrispondano al reale contenuto del provvedimento e chiede al Ministro dell'Ambiente, all'intero Governo, alle Regioni, al Parlamento, di considerare gli enormi riflessi che avrebbero decisioni come quelle ventilate, così pesanti da mettere in discussione la ragione stessa dell'esistenza di aree naturali da tutelare ora e per il futuro».


25/03/2009 11.36