Chiodi incontra Frattini: «grandi opportunità per l’Abruzzo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

907

ABRUZZO La gestione del programma di cooperazione Ipa Adriatico, l'organizzazione della sezione del G8 in Abruzzo, il sostegno alle politiche comunitarie e l'apertura dei rapporti con la Cina.
Su questi temi si è incentrato ieri mattina, alla Farnesina, il colloquio tra il presidente della Regione, Gianni Chiodi e il ministro per gli Affari esteri, Franco Frattini .
Il ministro ha assicurato la sua presenza in Abruzzo per il lancio del programma Ipa Adriatico a metà giugno.
In quella occasione si prevede la partecipazione dei ministri degli Esteri dell'area balcanica.
Un passaggio importante che consente alla Regione di entrare a pieno titolo e di aprire rapporti direttamente con i paesi dei Balcani.
«Si tratta - ha commentato Frattini - di un grande evento per l'Abruzzo che gestirà un importante programma europeo per sviluppare la collaborazione adriatica tra i paesi europei e i paesi dei balcani occidentali. Chiodi mi ha proposto una occasione di incontro in Abruzzo che ho accolto con favore, in cui avremo i ministri degli esteri, prevediamo prima dell'estate».
Frattini, inoltre, ha chiesto al presidente Chiodi di presentare, in occasione del G8, il progetto della costituzione di un polo euro mediterraneo che potrà «permettere all'Abruzzo di assumere una posizione di grande rilievo nell'area Mediterranea».
Una presenza forte sulla scena internazionale, come ha detto il Ministro, che avrà grande sostegno. Infine, l'apertura ai rapporti con la Cina. Chiodi, su sollecito di Frattini, presenterà un dossier sulla offerta turistica abruzzese che il Ministero sottoporrà all'Agenzia di Stato per il turismo cinese in occasione della visita che i funzionari terranno in Italia per selezionare tutta una serie di opportunità. Un pacchetto di proposte che possa rilanciare l'immagine del territorio.
A chiusura dei lavori, una parentesi che ha toccato la sfera personale dello stesso Ministro quando Chiodi ha rivolto un formale invito a Frattini, anche a nome del sindaco, per il conferimento della cittadinanza onoraria di Pietracamela, paese da cui proviene la famiglia del Ministro.
«Sarei felice di poterci tornare - ha commentato Frattini - Questa può essere l'occasione per farlo. Pietracamela è il paese che richiama la famiglia di mia madre. Aspetto solo di stabilire la data di questa visita».
Molto soddisfatto il presidente Chiodi a margine dell'incontro.
«L'Abruzzo ha grandi potenzialità – ha commentato Chiodi - Per dare una svolta e uscire dalla crisi bisogna puntare alla internazionalizzazione. E' evidente che dobbiamo offrire opportunità che devono essere colte bene dalla classe imprenditoriale abruzzese. Sono soddisfatto dell'esito del confronto – ha aggiunto – perché il Ministro ha già dimostrato in più occasioni, e oggi lo ha confermato, una personale attenzione nei confronti dell'Abruzzo. Una regione che deve risollevarsi, che sta facendo grandi sforzi per avviare nuove prospettive di sviluppo. Il mio non è solo un invito rituale ma qualcosa di più per utilizzare tutte quelle possibilità che il Governo ha per cercare di arrivare a un processo di internazionalizzazione della nostra regione, per farci fare bella figura nella gestione del programma Ipa adriatico e, soprattutto, per costruire relazioni utili in piena attuazione della strategia, delineata in sede di insediamento, per i rapporti con i paesi del Mediterraneo sui quali confidiamo molto. Una piccola Cina con la quale sarà più facile tessere relazioni vista la stretta vicinanza».

18/03/2009 8.23