Regione-Enti locali: primo incontro su linee programmatiche

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

748

ABRUZZO. Un tavolo di condivisione e di approfondimento da dove possano emergere proposte concrete ed articolate al fine di elaborare una normativa più funzionale alle attuali esigenze degli enti locali.
E' una delle ipotesi di lavoro che l'assessore agli Enti locali, Carlo Masci, ha lanciato questa mattina, a Pescara, nella sede della Regione, in occasione del primo incontro con le autonomie locali che ha preceduto la Conferenza permanente Regione-Enti Locali. «Abbiamo registrato con soddisfazione una presenza significativa di sindaci ed amministratori locali - ha sottolineato l'assessore Masci - a testimonianza di un nuovo spirito di partecipazione in un momento di particolare crisi per il nostro tessuto economico e sociale. Data la ristrettezza delle risorse - ha aggiunto Masci - occorre promuovere una politica di rigore che cominci dall'alto e si propaghi verso il basso. Uniti si possono trovare le condizioni per fare in modo che i Comuni, le Comunità Montane e le Unioni di Comuni eroghino servizi di maggiore qualità a costi più contenuti».
A livello organizzativo, lo stesso assessore Masci ha auspicato la proposizione dello stesso modello di confronto esistente a livello nazionale con la Stato-Regioni, la Conferenza Unificata e le varie Commissioni di lavoro.
«Pensiamo ad un nuovo impianto istituzionale nel rapporto tra Regione ed Enti Locali che consenta di compiere scelte oculate e condivise - ha proseguito - a seguito di un percorso che potrebbe partire dal lavoro di diversi tavoli di studio sulle varie problematiche da affrontare e che poi si andrebbe a sviluppare attraverso un confronto costante con le autonomie locali. A livello nazionale questo metodo di lavoro ha funzionato - ha concluso Masci - e sono sempre emersi spunti di rilievo ripresi e riportati poi nei documenti definitivi della Conferenza delle Regioni».
Invece c'è stata «condivisione generale del Dpfr sulle linee di indirizzo con una volontà di approfondimento della tematica legata ai Fas (Fondi per le aree sottoutilizzate)».
All'ordine del giorno c'era, infatti, la discussione del Documento di Programmazione Economica e Finanziaria regionale 2009-2011.
Un primo incontro che ha permesso di acquisire maggiori informazioni sulle specifiche necessità dei vari territori, anche «per comprendere meglio - spiega Masci - come poter dare attuazione ai progetti che sono contenuti all'interno dei vari assi di sviluppo. La prossima Conferenza sarà certamente convocata prima dell'approvazione del Bilancio - anticipa l'Assessore - per verificare le linee di indirizzo più specifiche».

06/03/2009 15.14