Cambiano i vertici abruzzesi del Wwf: nuovo presidente è Camilla Crisante

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1536


ABRUZZO. Cambia il vertice del WWF in Abruzzo. Dante Caserta, che è stato presidente della Sezione regionale negli ultimi tre mandati, è stato eletto nel Consiglio nazionale del Wwf Italia nelle votazioni tra tutti i soci dell'Associazione che si sono svolte nei mesi scorsi.
Negli oltre 40 anni di storia del WWF in Italia è la seconda volta che un abruzzese entra nel Consiglio direttivo della più grande Associazione ambientalista italiana.
Contemporaneamente alle elezioni per il consiglio nazionale del WWF Italia, si sono svolte anche le elezioni per il rinnovo dei cinque componenti del Consiglio direttivo Abruzzo.
I soci abruzzesi hanno eletto Piero Angelini, Claudio Calisti, Camilla Crisante, Fabio De Massis e Marco Terrei.
Ieri pomeriggio a Pescara si è svolta la prima riunione del nuovo consiglio che ha provveduto alla scelta del Presidente abruzzese per i prossimi 3 anni: all'unanimità è stata eletta Camilla Crisante, architetto di Pescara da sempre impegnata nel volontariato ambientalista e nel WWF al cui interno ha già ricoperto importanti cariche.
Ad affiancare la Crisante, in qualità di vicepresidente sarà Fabio De Massis, avvocato che negli ultimi anni ha seguito per l'Associazione i più importanti processi in difesa dell'ambiente.
«Il nuovo consiglio», ha spiegato il neo presidente, «è intenzionato a portare avanti le battaglie che da sempre caratterizzano l'azione del WWF in Abruzzo e sarà fortemente impegnato nella creazione di nuovi gruppi di ecovolontari nei vari comprensori della nostra regione».
Il WWF in Abruzzo conta su oltre 3.500 tra soci e sostenitori. È presente nelle quattro province con associazioni locali e gruppi attivi di soci. Gestisce 7 Oasi, aree naturali protette affidate da Comuni al WWF che ne cura la direzione scientifica e la promozione. Tutte le Oasi sono dotate di centri visita, punti di accoglienza e sentieri. Il WWF nella regione gestisce anche 4 Centri di Educazione Ambientale e 3 Centri di Documentazione Ambientale ed è dotato di un nucleo di guardie ecologiche volontarie che opera in particolare nella provincia di Chieti.

28/02/2009 13.06