Del Turco sceglie l’avvocato che difende la Thyssen Krupp

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2691

PESCARA. L’ex governatore d’Abruzzo Ottaviano Del Turco rafforza il suo pool di difensori. Insieme all’avvocato Milia arriva anche Franco Coppi.
In una recente intervista rilasciata a La7 Del Turco aveva spiegato di
aver scelto il suo avvocato pescarese, Giuliano Milia, perché ritenuto
uno dei più bravi in Abruzzo.
L'avvocato difende nello stesso processo sulle presunte tangenti alla
Sanità anche l'ex manager Fira Giancarlo Masciarelli, l'ex braccio
destro dell'ex presidente Lamberto Quarta.
Ma da oggi Del Turco ha chiamato un altro pezzo da novanta da
affiancare al suo legale.
Coppi, infatti, da oggi si occuperà, insieme a Milia, della sua difesa
nella maxi inchiesta che ha portato agli arresti del 14 luglio e alle
conseguenti elezioni anticipate.
La nomina di Coppi quale difensore dell'ex governatore è stata
depositata ieri mattina in procura.
Il legale, professore di Diritto penale alla Sapienza di Roma, è fra i
più noti penalisti italiani.
Tra le sue difese si ricordano quelle di Giulio Andreotti nel processo
Pecorelli; di Antonio Fazio nel processo sulle scalate finanziarie.
Si è occupato, inoltre, della difesa di due degli imputati nel
procedimento sui presunti abusi sessuali subiti dai bambini dell'asilo
di Rignano Flaminio. In questo caso è stato l'”avversario” di Carlo
Taormina (difensore delle vittime), altro avvocato mediatico che
adesso segue il caso Klatten e difende Enrnano Barretta. In passato
Taormina ha assistito anche Giancarlo Masciarelli per l'inchiesta
Fira.
Coppi era stato anche nominato legale difensore di Don Gelmini,
accusato di abusi sui tossicodipendenti ospiti della comunità
"Incontro". Poco dopo, però, lasciò l'incarico.
Recentemente ha difeso con successo Davide Lippi, figlio di Marcello,
nel processo Gea, ma ha detto addio anche alla famiglia Cragnotti dopo
averla assistita in blocco nella fase delle indagini preliminari del
processo Cirio.
Poi si è occupato del caso Radio Vaticana, condannata per inquinamento da onde elettromagnetiche in primo e secondo grado ma che, alla fine è stata assolta perchè il reato non esiste nel codice penale.
Coppi ha assunto anche la difesa dei sei manager della Thyssen Krupp, ha difeso il chirurgo Husher, accusato di aver provocato la morte di alcuni pazienti e il medico romano che ipnotizzava e violentava le sue pazienti anoressiche, Sodaro.

24/02/2009 9.37