Chiodi come Tony Blair: «nuovo modello per vincere crisi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1318

ABRUZZO. Il presidente della Regione, Gianni Chiodi, pensa al modello inglese della Delivery Unit lanciato da Tony Blair, quando dice ai sindacati di voler cambiare metodo di approccio alle problEmatiche legate alla crisi economica che attanaglia l'Abruzzo.

Lo strumento consente di misurare concretamente la qualità degli interventi e delle azioni messe in atto.
Fronte comune con le organizzazioni sindacali, dunque, per lavorare al meglio delle possibilità ed affrontare con più forza le emergenze industriali ed occupazionali.
E' l'intento che il presidente della Regione, Gianni Chiodi, e l'assessore al Lavoro, Paolo Gatti, hanno manifestato nel corso dell'incontro con le segreterie regionali dei sindacati.
«Incontreremo al più presto anche le associazioni datoriali - ha annunciato Chiodi - per condividere strategie d'intervento e metodi di lavoro rispetto ad una situazione che non si può non definire grave. Ecco perchè occorre stringere un'alleanza forte con tutte le realtà che sono all'interno del panorama lavoro».
Il presidente Chiodi e l'assessore Gatti hanno anche ipotizzato l'attivazione di una task force che, al di là, delle situazioni congiunturali, segua le situazioni di maggiore allarme ma che contribuisca anche a pianificare il futuro dell'Abruzzo.
«Se il Cicas rappresenterà il pronto soccorso nei confronti delle crisi - ha dichiarato l'assessore Gatti - questa task force, composta da non più di sette-otto unità, tra cui esponenti della Giunta, rappresentanti delle forze sindacali e datoriali e qualche professionalità del mondo economico o accademico, andrà ad individuare strategie, risorse e misure anticrisi. Insomma, dovrà essere uno strumento estremamente snello ed operativo».
Intanto, domani la Giunta regionale, su proposta dello stesso assessore Gatti, approverà la ricostituzione del Cicas.

UIL SODDISFATTA DEL PRIMO INCONTRO

«E' stato positivo il primo incontro tra i sindacati e il presidente Chiodi e l'assessore Gatti», ha commentato il segretario regionale Uil Roberto Campo.
«Quanto prima verrà convocato un incontro tra la Giunta e le parti sociali per definire l'applicazione dell'accordo Governo-Regioni in Abruzzo e la costruzione del pacchetto regionale anti-crisi. Adesso non bisogna perdere altro tempo», ha aggiunto Campo, «perché siamo già in ritardo: occorre portare avanti immediatamente il negoziato con la Commissione Europea per il via libera definitivo e parallelamente aprire il confronto, soprattutto nelle Regioni, con le Parti Sociali».

14/02/2009 10.09