Spese superflue, approvato dimensionamento scolastico

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3532

L'AQUILA. La Giunta regionale, su proposta dell'assessore all'Istruzione, Paolo Gatti, ha approvato un nuovo piano di dimensionamento scolastico.

Era un problema da risolvere quanto prima e a quanto pare un primo passo è stato fatto.
Quello adottato ieri è un provvedimento elaborato sulla base delle proposte contenute nei piani provinciali così come assentite nei pareri dell'Ufficio scolastico regionale.
In Abruzzo risultavano 45 plessi scolastici sottodimensionati; di questi, 19 sono stati raggruppati. Restano pertanto 26 istituzioni scolastiche sottodimensionate.
L'atto di ieri fa seguito all'esigenza avvertita a livello nazionale, di contenimento dei costi ed alla circostanza che la Regione Abruzzo era stata criticata per avere il maggior numero di plessi sottodimensionati. Così la situazione dovrebbe essere migliorata.
Tutte le decisioni, assicurano dal capoluogo regionale, sono concordate e corredate dal parere favorevole del Direttore dell'Ufficio scolastico regionale.

10/02/2009 9.00

LA PROVINCIA DI CHIETI

Il piano di razionalizzazione scolastica approvato dalla Regione Abruzzo, rispetto a quanto proposto dal piano provinciale, prevede le seguenti misure:
1. aggregazione delle Scuola Media “Vicentini” di Chieti alle Scuola Media Chiarini
2. aggregazione delle Scuola Media “Ortiz” e del CTP di Chieti alle Scuola Media “Mezzanotte”
3. istituzione dell'Istituto Comprensivo composto dal 5° Circolo di Chieti e dalle scuole di ogni ordine e grado di Casalincontrada
4. aggregazione dell'Istituto d'Arte di Chieti al Liceo Classico di Chieti
5. aggregazione dell'Istituto d'Arte di Lanciano al Liceo Classico di Lanciano
6. istituzione dell'Istituto Comprensivo composto dalla Scuola Media Umberto I° di Lanciano, dalle scuole di ogni ordine e grado di Frisa e dal plesso di Scuola dell'infanzia di Villa Gaeta
7. istituzione dell'Istituto Omnicomprensivo di Guadiagrele con l'aggregazione alle Scuole Medie di Guardiagrele dell'ITC di Guardiagrele(ora aggregato all'Istituto Superiore “Marino” di Casoli) e del Liceo Scientifico di Guardiagrele (ora aggregato al Liceo Scientifico di Francavilla al Mare)
8. istituzione dell'Istituto Comprensivo di Fara Filorum Petri composto dalla Direzione Didattica di Fara Filorum Petri e dalle scuole medie di Fara Filorum Petri, Casacanditella, Roccamontepiano e Rapino (oggi aggregate alle Scuole Medie di Guardiagrele)
9. aggregazione del Liceo Classico di Atessa, oggi aggregato al Liceo Classico di Lanciano, all'Istituto Superiore di Atessa

Interviene la Cisl con Nicola Marino che fa presente come altri provvedimenti non siano stati adottati e riguardano:
1. istituzione del Polo Liceale a Ortona con il Liceo Classico di Ortona (ora aggregato al Liceo Classico di Chieti) e il Liceo Scientifico di Ortona (ora aggregato al Liceo Scientifico di Francavilla al Mare)
2. istituzione dell'Istituto Comprensivo di Gissi composto dalla Direzione Didattica di Gissi e dalle scuole medie di Gissi, Furci e San Buono
3. aggregazione all'ITA di Scerni dell'ITC di Gissi e di Casalbordino
«Vengono confermati», spiega Marino, «le aggregazioni ed il taglio di 4 istituzioni scolastiche con inevitabili diminuzioni di personale docente ed A.T.A.. Diminuzioni che purtroppo vanno ad aggiungersi ai tagli di organico previsti dalle diverse misure adottate dal Governo sulla scuola».
10/02/2009 10.57