Cialente vuole una commissione d'inchiesta sulla Sanità

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1468

L'AQUILA. Il sindaco dell'Aquila, Massimo Cialente, vuole una commissione d'inchiesta sul mondo della sanità regionale. PASTORE (PDL): «LA COMMISSIONE ESISTE GIA'»
Il primo cittadino ha chiesto ai deputati e senatori eletti in Abruzzo di farsi carico di promuovere l'istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sull'intera vicenda della sanità abruzzese negli ultimi decenni.
La proposta è contenuta in una comunicazione inviata al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. «Questa terra di poco più di un milione e trecentomila abitanti - si legge nella nota - vede il suo budget regionale, da anni assorbito pressoché totalmente dalla spesa sanitaria».
Cialente parla di paralisi legislativa e amministrativa.
«L'Abruzzo - si legge ancora - è chiamato ad attuare un drammatico piano di risanamento del deficit sanitario, concordato con il Governo. Un piano che nelle prime fasi della sua attuazione sta generando ingravescenti tensioni».
La proposta di istituire una Commissione di inchiesta parlamentare verrà caldeggiata da alcuni parlamentari del Partito democratico. «Ho già ottenuto l'assenso di Livia Turco, Luigi Lusi e Giovanni Legnini - ha spiegato il deputato del Pd Giovanni Lolli - ma puntiamo ad avere il sostegno trasversale di tutte le forze politiche».
L'Abruzzo certo non dimentica una delle commissioni di inchiesta più importante per la regione. Era il 1994, a due anni dall'arresto dell'allora giunta regionale.
Con quella inchiesta, guidata da Sergio Turone, si delineò uno scenario apocalittico del sistema sanitario e sicuramente quel documento, ancora molto attuale sebbene i 14 anni di distanza, ebbe il merito di inquadrare il vero cancro all'interno della società, quelli che erano i mali della sanità e gli stretti legami con l'ambiente politico.
a.b. 06/02/2009 17.32

[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=16825]LA COMMISSIONE DI INCHIESTA TURONE[/url]

PASTORE (PDL): «LA COMMISSIONE ESISTE GIA'»

PESCARA. Il senatore Andrea Pastore (Pdl) risponde al sindaco dell'Aquila, Massimo Cialente. Pur apprezzando la «sensibilità e generosità» del primo cittadino aquilano, Pastore fa notare che una Commissione parlamentare sulla Sanità è già operante dal 30 luglio 2008, «egregiamente presieduta dal senatore Ignazio Marino (Pd)».
«Sarebbe difficilmente perseguibile - dichiara Pastore in una nota - l'ipotesi dell'istituzione di una seconda Commissione, che andrebbe a sovrapporsi, anche se solo per l'Abruzzo, a quella operante in campo nazionale; così come apparirebbe faticosamente percorribile l'eventualità di estrapolare il territorio abruzzese dalle sue competenze».
A Cialente, il senatore suggerisce, invece, «l'opportunità di sensibilizzare i membri della Commissione e il suo presidente affinché rivolgano prioritariamente una particolare attenzione alla situazione dell'Abruzzo, ma anche di Campania, Lazio e altre regioni in cui il problema è più vivo». 07/02/2009 8.59