Per "Il Sole 24 ore" Abruzzo senza crisi. Uil smentisce dati ottimistici

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1626


ABRUZZO. Per "Il Sole 24 Ore" l'Abruzzo è una regione virtuosa che non risente della crisi lavorativa. Roberto Campo segretario della Uil Abruzzo smentisce il quotidiano economico. «Purtroppo è solo un errore».
Un articolo pubblicato mercoledì 10 dicembre dal quotidiano Il Sole 24 Ore sui dati dell'utilizzo della cassa integrazione regione per regione «ha dato un'immagine del tutto fuorviante dell'impatto della crisi in Abruzzo», spiega Campo. Secondo quanto scritto dal quotidiano la regione «sembrerebbe risparmiata dalla congiuntura negativa, cosa purtroppo non corrispondente al vero».
L'articolo definisce l'Abruzzo "virtuoso", in quanto le ore autorizzate di cassa integrazione sarebbero nel 2008 scese in maniera impressionante rispetto al 2007, addirittura del 67,24%, al contrario di tutte le altre regioni.
«Evidentemente», sostiene il rappresentante del sindaco, «evidentemente chi ha redatto l'articolo ha frainteso i dati Inps, cui pure fa riferimento.
«L'Inps regionale, infatti», chiarisce Campo, «ci ha detto che a fronte di oltre 2 milioni e mezzo di ore di cassa autorizzate da gennaio a settembre 2007, nel corrispondente periodo gennaio-settembre 2008 siamo a oltre 2 milioni e 700.000 ore, + 8,2%. Si consideri che l'ondata maggiore sta arrivando in questi giorni: la sola Sevel ricorrerà a oltre 350.000 ore di cassa integrazione ordinaria. L'articolo del quotidiano Il Sole 24 Ore, invece, attribuiva all'Abruzzo da gennaio a novembre 2008 una quantità complessiva di 964.730 ore di cassa: un dato sballato, come abbiamo visto».
Al contrario, quindi, «l'Abruzzo risulta essere investito in maniera particolarmente virulenta dalla crisi, «se consideriamo che già il dato 2007 era molto elevato in confronto a quello delle altre regioni, e che anche i settori e i territori che hanno brillato in questi anni di sviluppo bloccato, sono ora pesantemente coinvolti dalla recessione, dall'automotive alla micro-elettronica, dalla Val di Sangro alla Marsica».
Per Campo basta guardare i dati del settore industria in provincia di Chieti, «dove a fronte di oltre 400.000 ore di cassa ordinaria e straordinaria autorizzate nell'intero 2007, siamo a quasi 890.000 nel 2008, oltre il doppio».
Il primo compito della nuova Giunta Regionale, per la Uil, «sarà definire un pacchetto di misure anti-crisi, a breve e medio termine, a sostegno di chi perde il lavoro, dei redditi da lavoro dipendente e pensione e per assicurare credito alle imprese, raccordato con quello nazionale, che auspichiamo venga dotato di più risorse».

12/12/2008 11.30