… Ed anche la pecora manda il curriculum ai candidati presidenti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1572

ANVERSA DEGLI ABRUZZI. C'è chi per fare campagna elettorale promette posti di lavoro e chi, come la pecora sopravvissana, in cassa integrazione, ne approfitta per inviare il proprio curriculum.
E' questa la singolare quanto simpatica iniziativa di Nunzio Marcelli, uno degli allevatori più noti d'Abruzzo, per chiedere agli aspiranti governatori un impegno concreto al settore della pastorizia in forte crisi.
La speranza è quella che i futuri amministratori regionali si muovano per impedire la definitiva scomparsa dalle montagne abruzzesi di una razza autoctona dell'Appennino centrale, la pecora sopravvissana, «che continua a produrre ottimi prodotti non alla diossina», sottolinea Marcelli.
Il curriculum illustra la nobile storia lavorativa di questo animale (e di questo settore), «nella speranza che i candidati vogliano raccogliere questa eredità che può garantire il futuro del territorio e di un'economia sana ed etica alle prossime generazioni».
Nel curriculum, preparato secondo tutti i crismi di un candidato modello (con tanto di foto) vengono elencate le esperienze lavorative della specie.
Ha cominciato a lavorare nell'11° secolo avanti cristo dove ha collezionato una lunga serie di esperienze. Prima impiegata come risorsa principale per gli scambi con il bacino del Mediterraneo, poi entrata a pieno titolo nelle aziende pastorali con il compito di pulire le strade attraverso il pascolamento e più recentemente elemento fondamentale per la produzione di formaggi e di lana.
La sopravvissana, come qualsiasi lavoratore, ha vissuto anche esperienze part- time. Tra i suoi datori di lavoro annovera Stati e Comuni della penisola, grandi mercanti, confraternite, piccole aziende delle comunità montane.
Nel curriculum non manca una chicca degli anni '70, anni in cui salì alla ribalta grazie ad una intensa quanto «breve carriera cinematografica nella rubrica "Intervallo"» per la Rai.
La carriera fu «brutalmente interrotta», si specifica nel curriculum, «da politicanti locali che aborrivano l'idea di un Abruzzo rappresentato dalla sua "arretratezza"».
Dagli anni 80 il periodo più difficile con l'inizio della «cassa integrazione definitiva a causa delle politiche comunitarie, nazionali e regionali».

10/12/2008 11.06

[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/DOCUMENTI_LINK/Sopravvissana_curriculum.pdf]ECCO IL CURRICULUM INTEGRALE[/url]