Infortuni sul lavoro: 22.737 infortuni nel 2007 (-5,1%)

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1120

ABRUZZO. Nel 2007 in Abruzzo si sono verificati 22.737 infortuni sul lavoro, con decremento del -5,1% rispetto al 2006.

Si sono verificati anche meno casi mortali, che passano da 41 a 25, di cui 10 avvenuti a causa di incidenti stradali. L'incoraggiante risultato consolida il trend verificatosi nel 2006 ed è superiore alla media nazionale. Un trend che si conferma in Abruzzo anche nei primi sei mesi del 2008: con un decremento degli infortuni del -3,4% pari a 11.003 casi.
I casi mortali avvenuti nel semestre sono invece pari a 14.
Il dati sono stati resi noti nel corso del convegno nazionale dell'Inail, "Le nuove Tabelle delle Malattie professionali", che si è svolto questa mattina all'Università D'Annunzio in stretta collaborazione con le Università di L'Aquila e Chieti.
«La prevenzione - ha commentato il direttore regionale Inail Ferdinando Balzano - sta dando buoni risultati. La lotta agli infortuni è diventata negli ultimi anni un problema nazionale, e questo è stato
utile. Certo il numero degli infortuni è ancora alto per un paese civile, ed è ancora tanta la strada da percorrere, ma abbiamo imboccato la strada giusta. In finanziaria 2008 ci sono 50 milioni di euro
stanziati per la prevenzione. Serve però maggiore sinergia tra Inail Regione Abruzzo, sindacati e aziende».
Un dato invece non positivo, fotografato dal Rapporto 2007, è l'aumento del 13,5% del numero delle malattie professionali denunciate, dalle 2.026 del 2006 alle 2.301 del 2007. Un numero di molto superiore alla media nazionale, il doppio di Campania e Sicilia. Un terzo di tutte le denunce presentate nel Sud Italia.
I casi però effettivamente riconosciuti e indennizzati sono di gran lunga inferiori, al di sotto del dato nazionale, con un alto tasso del contenzioso, in quanto il 50% dei casi sono riconosciuti in sede giudiziaria.
Da qui la grande importanza delle nuove Tabella delle malattie professionali, modificate ed ampliate in seguito al Decreto ministeriale del 9 aprile 2008, presentate oggi a Chieti.

MALATTIE PROFESSIONALI

Nel settore industriale le malattie professionali riconosciute passano da 58 a 85.
Nel settore agricoltura passano da 27 a 24. Vengono riconosciute in particolare le malattie dell'apparato muscolo-scheletrico come ad esempio l'ernia al disco, a cui sono soggetti camionisti, autisti e agricoltori, patologie del menisco, sindromi da tunnel carpale, patologie muscolari agli arti superiori a cui sono esposti lavoratori, come i sarti, che compiono movimenti ripetitivi e seriali e che possono insorgere anche in chi fa un uso prolungato del computer.
«Una chiara definizione delle nuove patologie professionali - spiega il professor Paolo Boscolo dell'Università di Chieti - consentirà di mettere a punto strategie di prevenzione più efficaci e puntuali e avrà come effetto positivo anche la diminuzione del contenzioso, molto costoso per l'erario».

I NUMERI

Analizzando e scorporando i dati relativi agli infortuni sul lavoro emerge che nel settore industriale
la diminuzione è stata del - 3,5% e non è stata omogenea sul territorio.
In provincia di Chieti infatti gli infortuni aumentano del +0,7%, all'Aquila e Pescara si registra invece un -6%, Teramo è stabile.
Comparto più a rischio quello dell'industria manifatturiera e delle costruzioni.
Il 15% degli infortuni avvengono su strada, in orario di lavoro o recandosi nel luogo di lavoro. Il 12% degli infortunati sono cittadini stranieri (2.418).
Sede della lesione più comune è la mano, a seguire colonna vertebrale e ginocchio.
Anche nel settore agricoltura si registra un significativo calo degli infortuni, - 18,9% , che arriva al -26% in provincia di Chieti. Va però sottolineato che nei primi sei mesi del 2008 gli infortuni sono
aumentati rispetto allo stesso periodo del 2007 in provincia dell'Aquila (+12,2) e Chieti (+3,6), mentre scendono del -12,2% a Termo e del -13,2% a Pescara. Anche nel 2008 la media regionale degli infortuni agricoltura decresce comunque del -2,7%.

05/12/2008 13.39