Elezioni. Quando si vota è una scommessa. Si punta sul 15 dicembre… o aprile

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3688

ABRUZZO. Nel tardo pomeriggio di ieri voci insistenti davano per certo uno slittamento di data delle elezioni regionali dal 30 novembre al 15 dicembre. PDL: SCIAGURA VOTARE DOPO IL 14 DICEMBRE

ABRUZZO. Nel tardo pomeriggio di ieri voci insistenti davano per certo uno slittamento di data delle elezioni regionali dal 30 novembre al 15 dicembre.

PDL: SCIAGURA VOTARE DOPO IL 14 DICEMBREUna certa agitazione ha invaso il mondo politico per verificare ed adeguarsi eventualmente alle nuove disposizioni.
Una campagna elettorale più lunga di 15 giorni obbliga a rivedere tutti i piani e tutte le strategie, oltre ad impegnare i big nazionali per più giorni. Uno slittamento sembra molto probabile ma al momento
nessun atto ufficiale esiste.
Di sicuro ieri pomeriggio l'ufficio centrale elettorale della Corte d'Appello dell'Aquila ha fissato il nuovo sorteggio delle schede per il pomeriggio di domani, 21 novembre, alla luce del pronunciamento del Tar dell'Aquila che l'altro ieri ha sospeso il provvedimento di esclusione della lista 'Per il bene Comune' in attesa di esaminare nel merito - il prossimo 26 novembre - il ricorso presentato dal candidato presidente della lista, Angelo Di Prospero.
Questo significa che la Corte d'Appello ha ritenuto -con una decisione molto prudente- di considerare riammessa la lista esclusa in prima battuta non attendendo la data del 26 novembre per la
discussione nel merito.
Nulla è stato deciso sullo slittamento della data delle elezioni anche perché la responsabilità di indicarne una nuova spetta al presidente vicario, Enrico Paolini, così come è accaduto per la fissazione della prima data.
A questo punto sempre mantenendo un profilo "prudenziale" potrebbe essere accolta l'istanza di un rinvio di 15 giorni presentato dalla lista esclusa.
Ma tale data non è affatto scontata.
Ci sono molte altre ipotesi che viaggiano di bocca in bocca.
Molti parlano di uno slittamento molto più sostanzioso a questo punto verso la fine di gennaio o addirittura in primavera.
Questa ultima ipotesi sarebbe in via generale la "più opportuna" sotto diversi profili perché riallineerebbe le elezioni regionali a quelle nazionali ed in Abruzzo con quelle Comunali e Provinciali già previste.
Questo comporterebbe un enorme risparmio di soldi (almeno 7 milioni di euro), costo della macchina elettorale.
Inoltre, fanno notare i tecnici, con elezioni a dicembre si perderebbe un anno di governo regionale per legislatura (6 mesi di gestione all'inizio e sei mesi alla fine) per via dei tempi di insediamento e di programmazione dei bilanci. Con l'insediamento della nuova giunta a giugno si farebbe in tempo a redigere i bilanci alle scadenze programmate per fine anno.
Dettagli che tuttavia potrebbero divenire di minor conto se si considera che con elezioni a giugno la Regione rimarrebbe "bloccata" per altri sei mesi, ipotesi probabilmente avversata dal mondo produttivo.
Dopo la polemica dell'ammissione delle liste fuori tempo massimo, delle esclusioni dubbie, dei possibili ricorsi dopo le votazioni ancora una volta è il clima di incertezza a dominare.

20/11/2008 8.13

ELEZIONI DOPO IL 14 DICEMBRE, PER PDL SAREBBE «UNA SCIAGURA»


L'ipotesi di rimandare di 15 giorni le votazioni per eleggere il nuovo consiglio regionale trova il consenso del Pdl, ma guai ad andare oltre il 14 dicembre.
Il Popolo delle Libertà non vuole: lo hanno detto i coordinatori elettorali Fabrizio Di Stefano (An) e Filippo Piccone (Fi) nell'incontro informale di questa mattina avuto con il vicepresidente vicario della regione, Enrico Paolini.
«Abbiamo rappresentato la nostra più viva preoccupazione - ha detto Di Stefano - per la situazione gravissima che verrebbe a determinarsi in Abruzzo qualora le elezioni subissero un rinvio a dopo il 14 dicembre. Sarebbe una sciagura - ha aggiunto - perché, non solo non vi sarebbe il bilancio regionale approvato e altri provvedimenti urgenti per il funzionamento della regione, ma ci troveremmo senza una guida autorevole».
« A Paolini - ha proseguito Di Stefano - abbiamo detto di adoperarsi affinché l'Abruzzo non continui ad essere danneggiato dalla situazione che si è determinata».
Per il momento alla Regione non è stata ancora notificata alcuna comunicazione che possa consentire una decisione su un eventuale rinvio delle elezioni.
Da ambienti della presidenza della regione è stato fatto notare che, comunque, tempi e modalità di un eventuale rinvio seguiranno la stessa procedura usata per la scelta dell'attuale data di 30 novembre e 1 dicembre: cioé, saranno ascoltati il presidente del consiglio e il presidente della Corte di Appello. 20/11/2008 13.20

DOMANI INCONTRO CANDIDATI SU NUOVA DATA

Domani alle 10.30 il presidente della Corte d'Appello dell'Aquila incontrerà, nella sede della
Regione Abruzzo a Pescara, i candidati presidenti alle regionali per discutere con loro la nuova data delle elezioni.
Lo hanno comunicato i coordinatori regionali del Pdl, Filippo Piccone e Fabrizio Di Stefano, dopo l'incontro avuto in mattinata con il presidente vicario della Regione, Enrico Paolini.
Piccone e Di Stefano hanno riferito che il presidente Paolini ha comunicato che si riserva di acquisire da parte dell'avvocatura regionale un parere su eventuali comunicazioni che dovessero arrivare dalla Corte d'Appello.
Piccone ha riferito di avere ricevuto questa mattina la telefonata dal presidente del Consiglio,
Silvio Berlusconi che si sta tenendo aggiornato sulla situazione. 20/11/2008 13.26

PAOLINI SCRIVE A PRESIDENTE CORTE APPELLO

Enrico Paolini ha inviato una nota al Presidente della Corte d'Appello di l'Aquila. «Dopo aver appreso dagli organi di stampa - si legge nella nota - che gli Uffici della Corte d'Appello di l'Aquila starebbero procedendo alle nuove operazioni di sorteggio delle liste in esecuzione della decisione del Presidente del Tar Abruzzo, Le sarei grato se vorra' informarmi con l'urgenza del caso, delle decisioni assunte dai Suoi Uffici, al fine di consentirmi - conclude la nota - l'adozione dei conseguenti atti riservati all'Istituzione da me rappresentata»
20/11/2008 14.22