Sciopero guardie mediche terminato: «estesa adesione»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

561

PESCARA. E' terminata la protesta della Fimmg-Continuità Assistenziale, con una estesa adesione dei medici di Guardia Medica.

Il consiglio regionale del sindacato si riunirà mercoledì prossimo per valutare gli esiti.
«Ci auguriamo», ha detto il rappresentante Ezio Falasca, «che la Regione ci convochi ed emani subito una direttiva per le Aziende affinchè i tagli sulla Guardia Medica siano limitati alle cifre previste nella delibera regionale 592 del 1° Luglio 2008».
La deliberà sarà certamente oggetto di una ondata di ricorsi al giudice del lavoro, «in quanto unilateralmente la Regione è venuta meno ad impegni contrattuali».
In ogni caso, in assenza di convocazione da parte del consiglio regionale, il sindacato oltre a proseguire ad oltranza la protesta a partire dal prossimo week-end, sta valutando la possibilità di indire una settimana di sciopero a ridosso delle festività natalizie.
«Siamo coscienti», dicono i responsabili del sindacato, «che questo determinerà dei grossi disagi per l'utenza, che noi vorremmo a tutti i costi evitare, ma non possiamo assolutamente tollerare che la regione e le ASL considerino il nostro contratto come carta straccia».
Dal 31 ottobre al 3 novembre è stato attuato il blocco dell'attività ambulatoriale a libero accesso che costituisce il 60% circa del volume delle prestazioni, nonchè delle ripetizioni di ricette che non sono tra i compiti previsti.
«Speriamo vivamente», ha detto il segretario regionale Ezio Falasca, «che questa nostra protesta faccia sì che le ASL modifichino il loro atteggiamento restrittivo, comprendendo che non è con la politica dei tagli indiscriminati che si fornisce un'assistenza qualitativamente migliore, assistenza di cui il cittadino abruzzese ha tutti i diritti di usufruire, al pari dei cittadini di altre regioni».

03/11/2008 16.02