Autoporti, la Cna scrive a Di Matteo: «tavolo di discussione con la categoria»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

966

ABRUZZO. La confederazione artigiana scrive all’assessore Di Matteo: «tavolo di discussione con la categoria».

Un incontro urgente, per affrontare i problemi legati ai lavori di completamento e alla gestione degli autoporti abruzzesi, alcuni dei quali abbandonati al proprio destino, nonostante siano ormai stati completati e attesi dall'intero mondo dell'autotrasporto regionale che ne invoca da anni l'apertura. E' quanto chiedono in una lettera indirizzata all'assessore regionale ai Trasporti, Donato Di Matteo, i vertici regionali della Cna abruzzese, che ricordano come la stessa organizzazione – la più rappresentativa in Abruzzo del mondo delle piccole imprese del settore dei trasporti – in più occasioni abbia espresso il proprio interesse a partecipare alle società che gestiranno le strutture logistiche.
A motivare la presa di posizione della Cna, la notizia diffusa dallo stesso Di Matteo, dell'imminente completamento di una delle grandi “incompiute” del settore, l'autoporto di San Salvo: «Abbiamo letto sulla stampa del suo completamente – scrive la Cna - e dell'avvio della nomina del comitato di gestione. In tutti gli incontri avuti in questi anni con i suoi predecessori, avevamo dichiarato ripetutamente il nostro interesse a partecipare a questa ed alle società di gestione degli altri autoporti abruzzesi, visto che i principali fruitori di queste strutture sono le imprese di autotrasporto merci». Secondo la Cna, occorre nello stesso tempo un deciso e urgnete intervento della giunta regionale per «completare e rendere operative le altre due strutture della logistica per il trasporto in Abruzzo: il centro smistamento merci di Avezzano e l' autoporto di Roseto. Opere per la gran parte completate, costate alla collettività cifre ingenti, ma abbandonate al proprio destino». 19/09/2008 16.34