Raddoppio Micron: la palla passa al ministro Scajola

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

849

L’AQUILA. Si terrà nelle prossime settimane l'incontro tra il vicepresidente vicario, Enrico Paolini, e il ministro allo Sviluppo economico, Claudio Scajola, per la definizione del contratto di programma legato al raddoppio industriale della Micron di Avezzano.
È uno dei risultati raggiunti nel corso della riunione che stamane si è tenuta tra la Regione Abruzzo, che era rappresentata dal vicepresidente Enrico Paolini e dagli assessori Marco Verticelli, Giovanni D'Amico e Ferdinando Fabbiani, la Provincia dell'Aquila con il presidente Stefania Pezzopane, i rappresentanti del Nucleo industriale di Avezzano e i vertici della Micron Italia.
«L'incontro con il ministro Scajola - ha spiegato Paolini - servirà per capire le intenzioni del governo in materia di contratti di programma e le possibilità di cofinanziamento dello stesso da parte dello Stato. Riteniamo che dovrà essere comunque il contratto di programma lo strumento operativo per avviare il raddoppio della Micron, che è una delle maggiori operazioni di sviluppo industriale dei prossimi anni in Italia».
La riunione di oggi ha stabilito un doppio percorso per la definizione dell'operazione Micron, fa sapere la Regione: uno, legato al contratto di programma che porterà avanti il vicepresidente vicario Paolini e che avrà contenuti essenzialmente industriali che passeranno al vaglio di Sviluppo Italia; l'altro, avrà invece uno sviluppo prettamente localistico con la definizione di un Accordo di programma che dovrà riguardare il sistema della infrastrutture legate al raddoppio Micron.
Il tavolo tecnico per individuare le infrastrutture da inserire nell'accordo sarà coordinato dall'assessore Giovanni D'Amico e vi partecipano oltre alla Regione, la Provincia, il Nucleo industriale e la Micron.
Sul fronte dell'impegno della Regione Abruzzo, impegno che prenderà forma e sostanza nell'Accordo di programma, l'assessore Marco Verticelli ha fissato in «ricerca, approvvigionamento energetico e formazione del personale» i campi di intervento sui quali sono destinate ad essere convogliate le risorse finanziarie della Regione.

03/09/2008 18.26