Fondi europei sì, asili nido no. Scatta l’interrogazione europarlamentare

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1575

ABRUZZO. Con una interrogazione scritta depositata oggi a Bruxelles, nel corso della seduta plenaria del Parlamento, l´europarlamentare leader di Forza Nuova, Roberto Fiore, ha chiesto alla Commissione di verificare e condannare il mancato utilizzo dei fondi, da parte della regione Abruzzo.
Si tratta di quei soldi stanziati per la realizzazione, ampliamento e ristrutturazione degli asili nido destinati ad ospitare i bambini in età compresa tra gli 0 e 3 anni.
La denuncia parte da una dettagliata inchiesta condotta dalla giornalista Rita Querzè (Corriere della Sera) «che ha verificato il grave inadempimento (mancata presentazione del piano nidi e progetto di sfruttamento delle risorse) da parte di alcune regioni - tutte governate dal centro sinistra - tra cui l`Abruzzo».
«Le gravi omissioni», spiega Fiore, «appaiono tanto più odiose laddove si consideri le tutele (infanzia e maternità) oggetto dello stanziamento inutilizzato e, forse, definitivamente perso».

La UE aveva stanziato 743 milioni di euro per aumentare le disponibilità di posti negli asili nido comunali. Una precisa direttiva europea, prevede che si debba garantire almeno al 33% dei bambini tra 0 e 3 anni un posto al nido, mentre secondo le stime del Centro Nazionale di documentazione e analisi per l`infanzia a tale diritto accede meno del 12,3% delle famiglie.


[url=http://www.corriere.it/cronache/08_agosto_27/asili_nido_tanti_soldi_pochi_posti_cff6ceea-73ff-11dd-97d8-00144f02aabc.shtml ]L'ARTICOLO DEL CORRIERE DELLA SERA[/url]