ARRESTO DEL TURCO, il precedente: nel 1992 decapitata la giunta Salini

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2324

ABRUZZO. La notizia degli arresti di questa mattina ha portato alla memoria la decapitazione della giunta regionale del 1992. In piena Tangentopoli anche l'Abruzzo visse il suo dramma.
Era la notte del 29 settembre del 1992. Sedici anni sono passati ma l'incubo sembra lo stesso.
Quel giorno per l'Abruzzo fu la fine della prima Repubblica.
Un giorno che cambiò le sorti della regione.
La giunta era impegnata in consiglio: all'ordine del giorno il piano dei trasporti. Una giornata normale e tranquilla, sebbene all'improvviso cominciarono a circolare strane voci.
«Arresti in vista», si diceva tra i banchi. C'era odore di manette e la convinzione che sarebbero scattate proprio in aula.
Lo stesso governatore Rocco Salini, preoccupato, alzo il telefono e chiamò Remo Gaspari, allora ministro.
Ma qui in Abruzzo era per tutti zio Remo, pronto a risolvere i problemi e fornire notizie di prima mano.
Dall'altro capo del telefono arrivò la rassicurazione: «non è vero», disse il ministro abruzzese. «State tranquilli».
Ma la notizia era vera e pochi minuti prima della mezzanotte gli inquirenti entrarono in azione.

Infatti la Procura della Repubblica dell'Aquila mandò in carcere l'intera Giunta regionale guidata dal presidente Rocco Salini. Per gli indagati furono anni terribili, la fine d'una storia politica, che aveva visto al suo centro, incontrastata per quasi quarant'anni, la Dc.
L'esecutivo, secondo l'allora Pm Fabrizio Tragnone, era accusato di aver assegnato ricorrendo ad abusi, fondi europei del programma Pop (Programma operativo plurifondo).
Secondo l'accusa la spartizione riguardava quasi 300 miliardi di vecchie lire. Ma l'accusa cadde nel 1996, quando il governo con un decreto decise di cancellare il reato d'abuso d'ufficio. Tutti gli imputati furono poi assolti in via definitiva dalla Cassazione, dopo le condanne in primo e secondo grado.
Solo il presidente Rocco Salini si portera' dietro una condanna definitiva per falso.
14/07/2008 11.24