Fondi Ue: Adriatico Ipa, insediato comitato di sorveglianza

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

847

L’AQUILA. Si conclude oggi a l'Aquila la conferenza legata al programma comunitario di cooperazione transfrontaliero "Adriatico Ipa" (2007-2013), che vede la Regione Abruzzo capofila.
Ieri si è insediato formalmente il comitato di sorveglianza composto dai rappresentanti della Commissione europea, dei ministeri italiani interessati, in particolare degli Esteri e dello Sviluppo Economico, dei Governi e delle Regioni coinvolte.
L'organismo è chiamato a mettere in campo e coordinare le procedure necessarie per assegnare, nei prossimi sette anni, la dotazione finanziaria di circa 280 milioni euro stanziata dall'Ue.
In particolare, si definiranno gli ambiti dei progetti più strategici nei vari territori e le modalità e tempistiche dei bandi.
All'Aquila, a palazzo Centi, sede della presidenza della Giunta regionale, si stanno confrontando oltre a dirigenti e tecnici della Regione Abruzzo, quelli di Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna, Marche, Molise, Puglia, e degli Stati di Albania, Bosnia, Erzegovina, Croazia, Serbia, Montenegro e i nuovi entrati di Grecia e Slovenia.
Il Comitato continuerà il lavoro della Taske Force, costituita dai partner del precedente programma di cooperazione transfrontaliero "Interreg III A", che ha gestito la fase di preparazione della nuova programmazione approvata a fine marzo dall'Ue. I quattro assi del programma sono quelli della Cooperazione economica, sociale ed istituzionale, dell'Ambiente, Tutela ambientale e del patrimonio culturale e delle Reti materiali di Accesso e Immateriali.
I progetti ritenuti più strategici dopo le analisi fatte finora nelle varie riunioni ufficiali della Task Force sono legati alle misure per il sistema della ricerca e dell'innovazione, anche in campo sanitario, con la messa in rete delle università e delle Asl, ad interventi sui sistemi portuali e aeroportuali e alla realizzazione di infrastrutture per "avvicinare" le due sponde dell'Adriatico e al risanamento ambientale del mare.

08/07/2008 9.52