Fondi europei, Di Stanislao: «occorre una forte accelerazione»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1092

ABRUZZO. L'Abruzzo ha speso finora l'81% dei fondi europei del programma operativo 2000-2006, pari a 329.319.684 euro rispetto alla somma programmata di 406.567.379 euro.

E' quanto emerso dall'informativa sullo stato di avanzamento del Por Obiettivo 3 presentata nella seduta del Comitato di Sorveglianza, convocata ieri mattina a Pescara e presieduta dall'assessore alle Politiche attive del Lavoro, Augusto Di Stanislao.
Entro il 2008 è prevista la conclusione di interventi in corso per 48 milioni di euro.
Tra questi interventi spiccano il protocollo d'intesa per la formazione, l'istruzione e l'orientamento con le Università abruzzesi, il protocollo d'intesa con gli uffici delle Procure della Repubblica per consulenza e affiancamento al personale, gli interventi a sostegno dell'imprenditoria e il protocollo d'intesa con l'Istituto nazionale di Fisica nucleare.
«Sulla base delle considerazioni odierne si rende necessaria una fortissima accelerazione che consenta all'Abruzzo di utilizzare in termini qualitativi e quantitativi le risorse disponibili, peraltro rilevanti - ha precisato l'assessore Di Stanislao - è una sfida all'innovazione e alla concretezza a cui chiamo tutti i partner presenti al tavolo del Comitato di sorveglianza sapendo che dobbiamo fare della concretezza e della qualità progettuale le nostre direttrici di riferimento».
Il consigliere regionale Giorgio De Matteis (Gruppo per l'Abruzzo) fa sapere, invece, che sono 854 i milioni di euro che il Cipe, con la delibera 166 del 21 dicembre 2007, ha stanziato per l'Abruzzo nell'ambito della ripartizione dei fondi FAS.
«Un finanziamento che va distribuito sul territorio attraverso una programmazione attenta e sollecita nell'ambito delle dieci azioni prioritarie individuate nel Quadro strategico nazionale, ma al momento – lamenta il consigliere regionale dell'Mpa, Giorgio De Matteis – l'Abruzzo mostra tutti i limiti dell'immobilismo cui siamo stati abituati in questa legislatura».


28/06/2008 9.44