Abruzzo: nel 2007 incassati 139 mln di euro dalla lotta all'evasione fiscale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

781

Abruzzo: nel 2007 incassati 139 mln di euro dalla lotta all'evasione fiscale
ABRUZZO. Un 2007 da primato per la lotta all'evasione fiscale in Abruzzo. Infatti, le riscossioni connesse all'attività svolta dalla Direzione Regionale dell'Agenzia delle Entrate concernente l'accertamento e il controllo formale delle dichiarazioni hanno superato, complessivamente, l'importo di 139 milioni di euro.
Di questi 75,6 milioni concernenti i versamenti diretti e 63,8 milioni riguardanti la riscossione mediante ruolo.
Come dato complessivo, nel 2007 è stata intensificata l'attività di accertamento a carico dei contribuenti abruzzesi, nei confronti dei quali sono stati effettuati 13.194 controlli contro i 12.212 del 2006.
«I risultati positivi ottenuti dalla macchina fiscale abruzzese al termine di un anno di intensa attività di lavoro di contrasto all'evasione e di presidio del territorio – ha commentato il direttore Regionale, Filippo Orlandi – hanno messo in luce ancora una volta il costante impegno professionale degli impiegati e dei dirigenti degli uffici, da sempre in prima linea per ristabilire la legalità fiscale».
Il maggior numero di controlli, unito a una maggiore proficuità degli stessi, ha permesso di accertare maggiori imposte dirette, Iva e Irap per circa 247 milioni di euro, con un incremento del 19%, rispetto ai
207 milioni del 2006.
Da una approfondita analisi dei dati riferiti al 2007, si rileva un aumento del 47% delle verifiche nei confronti di soggetti con volume d'affari sino a 25,8 milioni di euro, che passano da 231 nel 2006 a 340 nel 2007.
In termini monetari l'intensificazione di tali attività ha fatto emergere maggiori imposte per circa 154 milioni di euro sottratti alla tassazione, vale a dire l'83% in più rispetto agli 84 milioni del 2006.
In leggera flessione, invece, la maggiore imposta accertata per le verifiche ai soggetti con un volume d'affari superiore ai 25,8 milioni di euro, che passa dai 7 milioni del 2006 ai 4 del 2007.
E' il caso di precisare, al riguardo, che detta riduzione è da mettere in correlazione alla normativa di settore, che fissa, per questa particolare tipologia di soggetti, controlli con cadenza biennale.
E' evidente che tale tipologia di contribuenti, nel tempo, ha adottato comportamenti fiscali più virtuosi.

CONTRASTO DEI FENOMENI FRAUDOLENTI

Nel corso del 2007 l'attività di contrasto all'evasione svolta sul territorio è stata integrata con specifiche indagini fiscali finalizzate al contrasto dei fenomeni fraudolenti.
In particolare, risultano effettuate 9 verifiche e 5 controlli mirati concernenti tale tipologia di indagine, che hanno comportato una maggiore imposta constatata per un totale di oltre 8 milioni di euro; un maggiore imponibile ai fini delle imposte dirette per un totale di oltre 18 milioni di euro; un maggiore imponibile ai fini Irap, per un totale di quasi 16 milioni di euro.

CREDITI IVA

Più attenzione è stata data, nel 2007, anche nei confronti dei soggetti con crediti Iva esposti in dichiarazione. L'incremento dei controlli in questo caso è stato del 6%, cioè 2.055 contro i 1.941 del 2006. Il risultato è stato proficuo, con maggiori imposte accertate di oltre 67,5 milioni di euro, ovvero il 94% in più rispetto ai 34,8 milioni del 2006.

INDICE DI DEFINIZIONE DEI CONTROLLI

In aumento anche il numero dei casi in cui il contribuente ha fatto ricorso agli istituti dell'acquiescenza o dell'adesione. Infatti, gli accertamenti definiti con tale procedura sono stati 7.371, contro i
6.287 del 2006 e l'incasso è stato di circa 27,5 milioni di euro, vale a dire il 65 % in più dei 16,6 milioni del 2006.
Notevole impulso hanno ricevuto anche gli accertamenti effettuati con il ricorso allo strumento delle indagini finanziarie, passati dai 61 del 2006 ai 241 del 2007, con un ragguardevole incremento del 295%.
Da tale attività, che è risultata positiva per oltre il 90% dei casi, si è potuto recuperare un importo di circa 6,4 milioni di euro di maggiori imposte accertate, contro un milione e 100 mila del 2006, con un incremento di ben il 476%.


26/06/2008 13.23