Pesca: contributi regionali per l'emergenza caro-gasolio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

924

ABRUZZO. Sarà di circa 1,5 milioni di euro il contributo stanziato dalla Regione Abruzzo per sostenere il comparto della pesca, in forte difficoltà a causa dei rincari del carburante.
La misura straordinaria, proposta dall'assessore regionale al ramo Marco Verticelli, è stata accolta con favore della Conferenza Regionale della Pesca e l'Acquacoltura, riunitasi questa mattina a Pescara, cui hanno preso parte le organizzazioni e le associazioni di categoria e i soggetti istituzionali interessati.
Il contributo, in regime "de minimis", interesserà oltre 100 imprese e circa 700 marittimi, che potranno presentare domanda scaricando la modulistica dal sito della regione Abruzzo (sezione "pesca").
Per quanto riguarda i requisiti, beneficeranno degli aiuti le imprese aventi sede nella Regione Abruzzo, armatrici di unità di pesca abilitate all'esercizio dell'attività di pesca con i sistemi reti a strascico, volante, circuizione e circuizione per tonni, nonché i marittimi imbarcati su tali unità.
Gli aiuti regionali si vanno ad aggiungere a quelli stanziati dal Governo e consistenti in un fermo pesca di complessivi 45 giorni, ammortizzatori sociali, riduzione dell'IVA, un contributo governativo straordinario e la proroga della legge che prevede per le imprese di pesca gli sgravi contributi che altrimenti cesserebbero il 31/12/2008.
«Sono consapevole – così l'assessore Verticelli - del carattere di emergenza dell'intervento, che tuttavia reputo assolutamente necessario per dare un tangibile segno di attenzione da parte dell'Assessorato alla Pesca, sottolineando che la Regione non intende nascondersi dietro la mancanza di competenze dirette e che continuerà a fare tutto il possibile per sostenere la pesca abruzzese in questo grave momento di difficoltà.. Mi sono impegnato ad affiancare il piano nazionale con uno regionale, del quale questo provvedimento rappresenta un primo passo. Ora accelereremo ulteriormente gli altri interventi, ma soprattutto siamo impegnati nell'attivazione di misure che possano dare un respiro strutturale al settore».


20/06/2008 15.22