Imprese: giunta vara sostegno per distretti industriali

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

847

L'AQUILA. La Giunta Regionale, su proposta dell'assessore alle Attività Produttive e all'Innovazione, Antonio Boschetti, ha approvato le linee strategiche d'intervento rivolte ad aumentare la competitività dei distretti industriali, stanziando oltre 1 milione di euro.

Il programma, denominato "Progetti in favore dei Distretti Industriali", è stato inviato al Ministero dello Sviluppo economico per il cofinanziamento di una quota di pari entità.
Le successive fasi di attuazione saranno oggetto di apposita condivisione e approfondimento degli aspetti strategici con le parti istituzionali, economiche e sociali.
Il programma licenziato dalla Giunta individua i progetti regionali ammissibili al cofinanziamento che rafforzino il sistema organizzativo dei distretti, anche attraverso nuovi modelli di integrazione per filiera.
«Sono tre anni che gli imprenditori abruzzesi attendono la riforma dei Consorzi industriali, carrozzoni costosi e poco efficace», hanno detto i consiglieri della Federazione di Centro (FdC) in occasione della presentazione della legge.
Il progetto, a firma Antonio Verini, Angelo Di Paolo e Liberato Aceto, è passato in Consiglio regionale ed inizierà a fine mese l'iter in Commissione.
Gli ambiti di intervento sono i seguenti: attività di ricerca industriale; promozione e diffusione delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione; interventi per il miglioramento ambientale delle aree produttive; interventi per il risparmio energetico e per l'utilizzo di energia pulita; sviluppo di servizi logistici di sostegno all'intero sistema industriale; forme di collaborazione interregionale tra distretti, anche al fine di rafforzare la presenza sul mercato internazionale.
«La legge – ha spiegato Liberato Aceto (Federazione di Centro)– mira a far funzionare bene i Consorzi industriali ed a ridurne i costi. Ma siamo consapevoli del fatto che vanno profondamente riviste anche le aree industriali ed i distretti. Per fare una pratica occorrono anni e cento diverse autorizzazioni, e questo non è possibile».
I consiglieri della Federazione di centro hanno quindi annunciato che sarà presentato a breve un ulteriore progetto di legge finalizzato al riordino di tutta la politica industriale regionale. In particolare, si prevede la costituzione di un'Agenzia di Sviluppo, sul modello di altre regioni, che dovrà essere l'ente strumentale unico per la gestione delle politiche nel settore. L'Agenzia di Sviluppo dovrà quindi coordinare e gestire le partecipazioni della Regione negli enti controllati (come Abruzzo Engineering) ed assorbire gli enti ormai superati dall'evoluzione normativa (come Abruzzo Lavoro, Abruzzo Sviluppo, l'Arit, ecc.).

19/06/2008 16.43