Il punto su mobilità e trasporti martedì nel congresso della Filt-Cgil

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

569

Martedì 17 gennaio, presso il Serena Majestic di Montesilvano, si terrà l'8 congresso regionale della Filt Abruzzo (per informazioni www.filtabruzzo.it), il sindacato dei lavoratori iscritti alla Cgil che operano nel campo dei trasporti e della viabilità.
La Filt Cgil in tutta Italia può contare su 136.827 lavoratori iscritti (dato ufficiale al 31 dicembre 2004)
In Abruzzo, il congresso regionale costituisce il naturale epilogo dopo lo svolgimento regolare dei quattro congressi territoriali provinciali e che si sono chiusi con l'elezioni dei sottoelencati segretari comprensoriali
L'appuntamento congressuale di Montesilvano cade in un momento particolarmente delicato rispetto al contesto in cui versano trasporti, mobilità dei cittadini e diritti dei lavoratori.
«I 45 delegati al congresso della Filt Cgil Abruzzo», spiega il segretario Franco Rolandi, «esprimeranno le loro valutazioni sullo stato dei trasporti regionali funestato negli ultimi giorni dalle allarmanti vicende legate alle ferrovie ed alle autostrade abruzzesi (A24 e A25 in particolare). Si parlerà anche di diritto alla mobilità sostenibile, di ambiente, di mezzi di trasporto non inquinanti, di alta velocità e dei rischi connessi alla sicurezza. Naturalmente largo spazio sarà dedicato ai diritti dei lavoratori, all'alta diffusione del precariato, alle vicende contrattuali in particolare per due settori dei trasporti sui quali incombono due imminenti scioperi: ferrovie e trasporto pubblico locale».

I ferrovieri si asterranno dal lavoro per 24 ore a partire dalle ore 21.00 del 26 gennaio 2006. Gli autoferrotranvieri, invece, alle prese con il mancato rinnovo del 2° biennio economico, ma anche sulla questione del trattamento economico in caso di malattia, hanno già proclamato lo stato di agitazione e si è in attesa dell'ufficialità dello sciopero
Sarà anche l'occasione per confrontarsi con le Istituzioni alla luce sia dell'attuazione del Piano Regionale Integrato dei Trasporti, ma sulle gare d'appalto europee per l'affidamento dei servizi previste nel 2007 e che apriranno il trasporto pubblico al mercato.

14/01/2006 9.32