Ticket sui farmaci: non si paga più dal 1 giugno

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2273

ABRUZZO. Finalmente si avvia a soluzione l’eliminazione del ticket pagato dai cittadini abruzzesi sulle ricette farmaceutiche. L’assessorato alla sanità avrebbe infatti predisposto la delibera relativa che abolisce la tassa dal 1° giugno prossimo.
«Dall'analisi dei dati di spesa farmaceutica convenzionata relativa all'anno 2007», hanno spiegato Cgil, Cisl, Uil, «si evince che la Regione Abruzzo ha rispettato pienamente il tetto ministeriale del 13% fissato per la spesa farmaceutica convenzionata attestandosi al 12,5% del fondo sanitario regionale assegnato».
«Sono stati anche completamente recuperati», spiegano i rappresentanti di categoria, «i debiti di 4.600.000 euro del 2005 e altri 7.512.000 euro del 2006. Tale obiettivo è stato raggiunto con il prelievo di 12.112.000 euro sui pensionati e sui lavoratori abruzzesi, ancora una volta costretti a sacrificarsi per risanare gli sprechi e le disfunzioni del sistema sanitario».
Le sigle si dicono dunque felici per «la promessa mantenuta» dell'assessore Mazzocca ma precisano che ora «è indispensabile che ci si adoperi perché il tavolo di monitoraggio Ministeriale prenda atto positivamente degli obiettivi raggiunti e permetta alla Regione di dare attuazione alla delibera dal 1° giugno 2008».
Avviato a soluzione il problema di ticket restano ancora in piedi i numerosi ostacoli che impediscono ai cittadini di usufruire di un servizio sanitario efficace ed efficiente al pari delle Regioni più avanzate.

Per il consigliere regionale di An, Alfredo Castiglione, però il futuro non appare roseo. Anzi sarà pieno di nuovi balzelli…
«Agli abruzzesi sarà presto presentato un altro salato conto da pagare a causa dell'inadeguatezza della giunta regionale a contenere la spesa sanitaria e tagliare gli sprechi: più tasse per famiglie e imprese», sostiene Castiglione.
«Parlano i numeri», spiega Castiglione, «la giunta Del Turco in soli due anni (2005 e 2006) ha generato un disavanzo nella spesa sanitaria maggiore di quello che si è verificato nei 5 anni precedenti, con la significativa differenza che la giunta Pace si è preoccupata di ottenere la copertura quasi totale del disavanzo mentre la giunta in carica - malgrado l'aumento spropositato delle tasse - non è riuscita a coprire il buco, anzi l'ha incrementato con sciagurata irresponsabilità».

28/04/2008 12.55

RC:«ABOLIRE ANCHE TICKET SU PRONTO SOCCORSO»

«Speriamo che questa sia davvero la volta buona per l'abolizione del ticket regionale sui farmaci. Dopo tanti impegni assunti auspichiamo la concreta attuazione del provvedimento ed il conseguente beneficio per i cittadini abruzzesi a partire dal prossimo giugno».
Commenta così il segretario regionale di Rc, Marco Gelmini che suggerisce «sommessamente» di prendere contatto formale con il nuovo Ministro della Sanità, non appena sarà nominato ed insediato, per consolidare i reciproci impegni per il risanamento della sanità abruzzese, «escludendo il ricorso a nuove tassazioni anzi riducendo quella attuale, rivendicando una maggiore flessibilità nella realizzazione degli obiettivi fissati».
«I problemi da affrontare con rapidità», è il parere di Gelmini, «ora sono anzitutto quelli di avere personale sufficiente a garantire un servizio di qualità e assunto con contratti a tempo indeterminato, di avere ospedali in grado di erogare servizi qualitativamente e quantitativamente adeguati onde evitare la fuga dei cittadini verso il privato, del pieno funzionamento dell' agenzia e degli organismi di controllo, programmazione e monitoraggio, del miglioramento del servizio reso ai cittadini utenti. E dopo i ticket della farmaceutica si metta finalmente mano anche ai ticket di pronto soccorso che in alcune realtà vengono applicati in maniera incontrollata e fuori legge».
29/04/2008 14.16