Sanità: risanamento scatta la fase due

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

497

La Giunta regionale ha dato il via libera alla seconda fase dell'operazione di finanza strutturata per il risanamento dell'indebitamento del sistema sanitario regionale.
A darne notizia è l'assessore alla Sanità, Bernardo Mazzocca, che ha fatto ratificare dal governo regionale gli impegni di pagamento sottoscritti lo scorso 5 gennaio a Lugano.
Il via libera della Giunta regionale permetterà al pool di banche internazionali - Dexia Crediop, Banca Intensa, Deutsche Bank, Barclays Bank e Ubs - di completare le operazioni di swap. Successivamente a queste operazioni, la Fira potrà effettuare, entro i prossimi giorni, i pagamenti nei confronti dei creditori delle sei aziende Asl abruzzesi che hanno aderito al finanziamento ponte.
Dal punto di vista finanziario, l'operazione consentirà di pagare debiti del sistema sanitario regionale per oltre 327 milioni di euro, con un'anticipazione nei prossimi giorni di circa 140 milioni ai fornitori inseriti nel sindacato composto dalle quattro casse di risparmio abruzzesi.
La ratifica degli impegni assunti a Lugano apre di fatto la seconda e ultima fase che porterà al collocamento dei titoli Asset Backetd Securities (Abs) sul mercato internazionale entro la fine di marzo 2006, il cui livello di collocamento, nonché il rating degli stessi, costituirà un'ulteriore misura dell'affidabilità del progetto di risanamento economico e finanziario della sanità da parte della regione Abruzzo.
L'assessore alla Sanità. Bernardo Mazzocca sta lavorando con la Fira e con le banche coinvolte al fine di garantire il miglior livello di collocamento sul mercato finanziario internazionale dei titoli Abs.

11/01/2006 9.40