Istat, L'Aquila tra le città meno care insieme a Napoli

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1130

Istat, L'Aquila tra le città meno care insieme a Napoli
DATI ISTAT. Genova, Bologna, Trieste e Bolzano sono le città più care, cioè registrano nel 2006 livelli dei prezzi più elevati rispetto alla media nazionale per alimentari, abbigliamento e calzature, arredamento e articoli per la casa.
E' quanto emerge da una ricerca su "Le differenze nel livello dei prezzi tra i capoluoghi delle regioni italiane", realizzato dall'Istat, dall'Unioncamere e dall'istituto Guglielmo Tagliacarne.
Le meno care, che evidenziano cioè livelli dei prezzi inferiori alla media nazionale in tutti e tre i capitoli, sono Napoli, L'Aquila, Campobasso e Palermo.
«Questa ricerca – ha spiegato il presidente dell'Istat, Luigi Biggeri - non riguarda tutte le spese, ma il 35% dei costi della famiglia, anche se e' un importante approfondimento per comprendere le differenze nel livello dei prezzi su base territoriale».
Per il presidente dell'Unioncamere, Andrea Mondello, «questo lavoro e' uno straordinario inizio di approfondimento che permette di valutare l'andamento inflattivo nelle aree geografiche e va utilizzato in un quadro più complessivo di 'lettura' del sistema Italia».


ALIMENTARI.
Le città con i livelli dei prezzi superiori del 5% e più rispetto alla media sono Aosta, Genova, Milano, Bolzano, Venezia, Trieste e Bologna. Le città con i livelli dei prezzi compresi tra il +5% e il valore medio nazionale sono Torino, Ancona e Perugia. Le città con i livelli dei prezzi inferiori fino al 5% rispetto al valore medio nazionale sono Firenze, Roma, L'Aquila e Cagliari. Le città con i livelli dei prezzi inferiori di oltre il 5% rispetto alla media sono Napoli, Campobasso, Bari, Potenza, Reggio Calabria e Palermo.

ABBIGLIAMENTO. Le città con i livelli dei prezzi superiori del 5% e più rispetto alla media sono Bolzano, Venezia, Trieste e Reggio Calabria; quelle con i livelli dei prezzi compresi tra il +5% e il valore medio nazionale sono Genova, Bologna, Ancona, Firenze, Perugia e Cagliari. Le città con i livelli dei prezzi inferiori fino al 5% rispetto al valore medio nazionale sono Torino, Milano, Roma, Napoli, L'Aquila, Campobasso, Potenza e Palermo; mentre l'unica città con i livelli dei prezzi inferiori di oltre il 5% rispetto alla media e' Aosta.

ARREDAMENTO E ARTICOLI PER LA CASA: le città con i livelli dei prezzi superiori del 5% e più rispetto alla media sono Aosta, Genova, Milano, Firenze e Roma; mentre le città con i livelli dei prezzi compresi tra il +5% e il valore medio nazionale sono Torino, Bolzano, Trieste, Bologna e Potenza. Le città con i livelli dei prezzi inferiori fino al 5% rispetto al valore medio nazionale sono Perugia e Reggio Calabria; mentre quelli con i prezzi inferiori di oltre il 5% rispetto alla media sono Venezia, Ancona, Napoli, L'Aquila, Campobasso e Palermo.


22/04/2008 14.21