Holding regionale dei trasporti: la Kpmg proporrà soluzioni entro maggio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1766

ABRUZZO. Entro la prima metà di maggio la società di consulenza Kpmg, vincitrice di un bando di gara, fornita all'Esecutivo regionale due o tre proposte di riassetto di tutto il sistema trasportistico regionale.
Entro l'anno, quindi, successivamente alle autorizzazioni nel frattempo ottenute, la Giunta indicherà il gestore unico.
I tempi per la costituzione della holding regionale del trasporto pubblico abruzzese sono stati fissati nel corso della riunione di avvio del percorso di razionalizzazione delle compagini societarie che si è svolta a Pescara e che lo stesso Presidente della Giunta regionale ha definito «alla stregua della riforma del sistema sanitario».
Durante i lavori che hanno interessato i presidenti delle società trasportistiche Arpa, Gtm e Sangritana, e la Kpmg in qualità di consulente, La Giunta regionale ha chiesto tempi veloci e snellezza nelle procedure, ribadendo che la razionalizzazione del sistema non comporterà conseguenze sul personale ma solo sulla qualità, sull'efficientamento dei servizi e sull'abbattimento dei costi della politica.
«Dobbiamo agire - ha chiarito il Presidente della Giunta regionale - come se avessimo già tutte le autorizzazioni dei tribunali, così eliminiamo i tempi morti e diamo ai cittadini quello che chiedono: riduzione del costi della politica e servizi ottimali».
«Abbiamo ereditato una regione - ha aggiunto Del Turco- in cui sembrava che in ogni famiglia ci fosse un consigliere di amministrazione tante sono state le resistenze incontrate dalle nostre riforme».
La società Kpmg si è detta disponibile a presentare entro un mese «due o tre soluzioni praticabili, ed avviare nel contempo la redazione del piano industriale e del conto economico».
Come riferito dallo stesso Del Turco, è stato raggiunto l'accordo anche per la gestione della fase transitoria per eventuali rinnovi di vertice: non più di tre dovranno essere i componenti il Cda, in ossequio alla legge regionale sulla riduzione dei costi della politica.

10/04/2008 15.27