Ricorso delle multinazionali del farmaco contro Regione: il Tar respinge

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

872

ABRUZZO. Il Tar dell'Abruzzo ha dato ragione all'Esecutivo regionale nella battaglia legale promossa da una delle multinazionali del farmaco. Una sentenza di venerdì scorso ha, infatti, dichiarato l'inammissibilità del ricorso dell'azienda farmaceutica S.p.A. Astra-Zeneca, che mirava all'annullamento di una delibera di Giunta regionale dell'ottobre 2006.


ABRUZZO. Il Tar dell'Abruzzo ha dato ragione all'Esecutivo regionale nella battaglia legale promossa da una delle multinazionali del farmaco. Una sentenza di venerdì scorso ha, infatti, dichiarato l'inammissibilità del ricorso dell'azienda farmaceutica S.p.A. Astra-Zeneca, che mirava all'annullamento di una delibera di Giunta regionale dell'ottobre 2006.Si tratta della delibera "Interventi urgenti relativi all'assistenza farmaceutica – Disposizioni concernenti le modalità di prescrizione e dispensazione di particolari categorie di farmaci".
Le multinazionali avevano anche chiesto un ingente risarcimento danni.
Il provvedimento della giunta aveva il fine di contenere un aumento della numerosità delle ricette con conseguente incremento della spesa e con una maggiore prescrizione di farmaci più costosi che portavano, al 31 dicembre 2006, ad uno sforamento del tetto di spesa.
La Giunta regionale era corsa ai ripari attraverso l'adozione di misure preordinate al ripianamento evitando forme di compartecipazione a carico degli assistiti.
«Il TAR abruzzese ha accertato - si legge nella sentenza - che non è stata perpetrata alcuna lesione del diritto alla salute dei cittadini. Il cittadino abruzzese può, infatti, accedere all'assistenza farmaceutica nel rispetto della normativa nazionale e delle disposizioni dell'Autorità Regolatrice del farmaco – AIFA - pienamente conscio di poter contare su di una ulteriore tutela: quella assicurata, in maniera innovativa, dalla Regione al fine di garantire un ambito di appropriatezza prescrittiva scevro da manovre di marketing».

10/03/2008 11.24