Allerta meteo. Venti forti e piogge: «rischio alluvione»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3134

  ABRUZZO. De Palma (AbruzzoMeteo): «Mercoledì l’arrivo di una forte ondata di maltempo: previsti forti venti, piogge insistenti, mareggiate ed abbondanti nevicate sui rilievi. Elevato il rischio di alluvioni». LA SITUAZIONE IN TEMPO REALE CON LE WEBCAM IN ABRUZZO

 



ABRUZZO. De Palma (AbruzzoMeteo): «Mercoledì l'arrivo di una forte ondata di maltempo: previsti forti venti, piogge insistenti, mareggiate ed abbondanti nevicate sui rilievi. Elevato il rischio di alluvioni».

LA SITUAZIONE IN TEMPO REALE CON LE WEBCAM IN ABRUZZO

Un intenso nucleo di aria fredda di recente origine artica presente attualmente sulla Francia e sull'Europa centrale, tenderà ad entrare sul Mediterraneo centro-occidentale a partire dalle prossime ore, provocando la formazione e l'approfondimento di un vortice depressionario in lento spostamento verso il basso Tirreno.
«Di conseguenza», spiega Giovanni De Palma di AbruzzoMeteo, «l'Italia sarà interessata da una fase di maltempo che coinvolgerà anche la nostra Regione a partire dalla giornata di mercoledì, quando è previsto un progressivo aumento della nuvolosità con precipitazioni, in intensificazione dal pomeriggio/sera».
«L'approfondimento del vortice depressionario - spiega De Palma - darà luogo ad una generale intensificazione dei venti di bora a partire da mercoledì sera, con raffiche localmente intense che daranno luogo a mareggiate. In serata, inoltre, ci sarà una ulteriore intensificazione dei fenomeni, specie sul settore centro-orientale con precipitazioni che, al di sopra dei 1000 metri risulteranno nevose; ma la neve potrà cadere anche a quote lievemente inferiori».
A partire dalla serata di mercoledì il lento spostamento del minimo depressionario verso levante, e il suo conseguente approfondimento, favorirà l'ingresso di forti venti di bora sull'Adriatico centro-settentrionale e una ulteriore intensificazione delle precipitazioni sul medio Adriatico.
«In questa fase si rischia una vera e propria "tempesta"», sostiene De Palma, «che si protrarrà almeno fino alla mattinata di giovedì; poi una nuova tornante occlusa, sembra destinata a prenderci in pieno tra giovedì e venerdì e di conseguenza altre precipitazioni cadranno sulla nostra Regione».
«Alla base dei dati attuali», aggiunge l'esperto, «non escluderei una situazione potenzialmente pericolosa in termini di conseguenze per la possibile persistenza dei fenomeni, anche perchè l'assoluta mancanza di fenomeni rilevanti da oltre due mesi a questa parte, ha reso il terreno sicuramente più compatto e meno permeabile. Se le precipitazioni risulteranno intense, il rischio è che queste non vengano ben assorbite dal terreno. Inoltre, altro fattore importante: i forti venti orientali daranno luogo a violente mareggiate e, a mio avviso, eserciteranno una sorta di "tappo" al normale flusso fluviale. A tal proposito, si sconsiglia vivamente di uscire in mare con piccole imbarcazioni a partire da mercoledì».
Ci saranno abbondanti nevicate sui rilievi. Ma la quota neve non dovrebbe scendere sotto i 500-700 metri e questo fattore probabilmente impedirà, fortunatamente, l'arrivo di altra acqua nelle nostre valli orientali, già interessate da fenomeni probabilmente persistenti.
04/03/2008 14.38

LE WEBCAM: LA SITUAZIONE IN ABRUZZO IN TEMPO REALE

A14 SILVI MARINA

A14 CITTA' SANT'ANGELO

A14 GIULIANOVA

A24-A25


A14 ORTONA-LANCIANO-VASTO




GRAN SASSO VISTO DA TERAMO


 


 PRATO SELVA


 


CANZANO


 


CAMPO FELICE


 


 LITORALE PESCARA


 


ROCCARASO


 


ROCCARASO



 


 SCERNI


 


AVEZZANO


 


L'AQUILA


 


L'AQUILA





PESCOCOSTANZO




ROCCADICAMBIO



ROCCARASO AREMOGNA




ROCCA DI MEZZO




MONTELUCO DI ROIO (AQ)