Più tempo per approvare il piano sanitario

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1043



ABRUZZO. Sul piano sanitario si andrà lunghi. Si deciderà probabilmente di prendersi più tempo ed analizzare con più calma la valanga di emendamenti presentati in commissione.
La decisione dovrà essere ratificata oggi dalla conferenza dei capigruppo e probabilmente si andrà oltre la data del 26 febbraio originariamente prevista quale termine ultimativo per l'adozione definitiva.
«Non è un mistero per nessuno che avevo chiesto al centro-sinistra di prenderci tutto il tempo necessario ad approfondire il testo del disegno di legge – spiega Fabrizio Di Stefano (An)– perché ci sono emendamenti da vagliare; osservazioni delle associazioni di categoria da esaminare e, nel caso, recepire; aspetti da chiarire, soprattutto per quanto riguarda il destino dei piccoli ospedali, le aziendalizzazioni e il contenimento della spesa: finalmente giunge la notizia del rinvio dei lavori della commissione e, di conseguenza, del Consiglio chiamato all'approvazione conclusiva del Piano».
«Anche se – sottolinea il consigliere di An – la circostanza non è stata determinata da un ravvedimento della maggioranza, quanto piuttosto dalle laceranti divisioni che stanno attraversando lo schieramento di centro-sinistra e che hanno finito per far stagnare la discussione in commissione».
«Un copione già visto – conclude Di Stefano – speriamo che stavolta il finale sia diverso dalle altre volte, quando abbiamo assistito a estenuanti bracci di ferro terminari con l'emanazione di leggi raffazzonate e troppo spesso dannose per le casse regionali e per le esigenze degli abruzzesi».

22/02/2008 8.09