Il no definitivo della Regione al terzo traforo del Gran Sasso

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

919

PESCARA. Il Consiglio regionale abruzzese ha approvato a maggioranza la risoluzione del Capogruppo regionale dei Verdi, Walter Caporale in cui si chiede alla Regione Abruzzo di impegnarsi concretamente per scongiurare definitivamente la realizzazione del Terzo Traforo del Gran Sasso.
Il Terzo Traforo del Gran Sasso è stato previsto nella legge n.
336/1990, per l'ampliamento dei laboratori dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare siti sotto il monte Gran Sasso a questo progetto si oppose l'intera popolazione abruzzese.
La Provincia di Teramo e il Parco Nazionale Gran Sasso-Laga fecero ricorso al TAR, per il grave danno che l'opera avrebbe apportato non solo all'ambiente in senso lato ma in particolare alle risorse idriche della nostra regione.
Nel 2002 il TAR Abruzzo annullò il provvedimento autorizzatorio dell'opera. A seguito della sentenza del TAR l'Avvocatura Generale dello Stato ha presentato ricorso dinnanzi al Consiglio di Stato.
«Fortunatamente», ha spiegato Walter Caporale, «la possibilità che il Terzo Traforo si realizzi è stata scongiurata dal direttore dei laboratori dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) del Gran Sasso, Eugenio Coccia, che in una Conferenza Stampa tenutasi il 22 gennaio 2008, ha dichiarato che "il terzo traforo è superato in favore di un progetto meno costoso e ad impatto zero". Nella stessa Conferenza stampa il Governatore Del Turco aveva dichiarato che non esistevano più le ragioni per la realizzazione del terzo traforo per cui non sarà più attuata».
I Verdi stanno verificando la fattibilità del progetto alternativo e intanto Caporale ha ritenuto di chiedere alle forze politiche di centro-sinistra, che negli anni passati si sono opposti a questo progetto, «ad esprimersi ufficialmente contro e con la Risoluzione approvata a maggioranza ho chiesto l'impegno della Giunta regionale ad assicurare concretamente quanto espresso dal Governatore Del Turco e dal Direttore dell'INFN, Eugenio Coccia».

12/02/2008 15.33