Sanità, ieri manifestazione contro i tagli

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1257

PESCARA. Le situazioni più gravi sono quelle del Don Orione di Pescara e del Centro Santa Caterina di Francavilla.



PESCARA. Le situazioni più gravi sono quelle del Don Orione di Pescara e del Centro Santa Caterina di Francavilla.
Circa cento quadri delegati della sanità hanno manifestato ieri mattina in piazza Alessandrini, a Pescara, sotto la sede dell'assessorato regionale alla Sanità. Al centro della manifestazione, promossa da Cgil Fp, Cisl Fp e Uil Fpl, ci sono sia questioni nazionali che regionali, tanto nel settore pubblico che nel privato.
Il motivo principale della protesta è il mancato rinnovo del contratto, scaduto da 24 mesi, ma i rappresentanti dei lavoratori lamentano anche l'assoluta mancanza di certezze per quanto riguarda gli stati di accreditamento, gli organici e la tipologia di servizi.
Si e' determinato, cioe', uno «spaventoso vuoto legislativo» che crea incertezza nel settore.
Una situazione particolare e' quella del Don Orione di Pescara e del centro Santa Caterina di Francavilla.
Nel primo caso c'e' gia' stato un taglio di 41 unità lavorative su 200, nel secondo si parla di una trasformazione dei contratti di lavoro da 36 e 24 ore per 120 addetti. Le due questioni saranno al centro di un attivo di quadri delegati oggi pomeriggio, alle 15, davanti al mercato coperto di via Cesare Battisti, a Pescara.
I sindacati denunciano, poi, una «strumentale diminuzione di servizi» in alcune strutture private con «l'abbattimento delle prestazioni domiciliari e dei costi del personale».
Le Regioni, ha spiegato Daniela Volpato, della segreteria nazionale Cisl Fp, «ancora una volta usano il contratto e i lavoratori per rivendicare maggiori risorse nei confronti del Governo, ma il contratto si deve firmare e' un atto dovuto dopo 25 mesi non possiamo aspettare ulteriori alibi o strumentalizzazioni. Contratto subito, altrimenti si aprira' una stagione di conflitto sindacale in tutti gli ospedali e le strutture sanitarie in Italia».

05/02/2008 9.39