Alta Formazione: in Abruzzo spesi 24 milioni di euro in 6 anni

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1041

ABRUZZO. Ancora pochi i laureati in discipline scientifiche: 8,6 su mille contro la media nazionale di 11,5
Circa 24 milioni di euro del Fondo Sociale Europeo sono stati destinati, dal 2001 al 2006 in Abruzzo, a 1.839 interventi di Alta Formazione e sviluppo del potenziale umano nella ricerca e nello sviluppo tecnologico, con il coinvolgimento di 4.897 giovani, universitari e laureati, per la frequenza di master o percorsi di studio e ricerca.
E' stata appena avviata la programmazione 2007/2013, che punta sull'adattabilità di forza lavoro e imprese come leva per rafforzare la competitività.
Ma in Abruzzo sono ancora pochi i laureati in discipline tecnico-scientifiche (8,6 su 1.000 contro il valore medio nazionale di 11,5) e sono proprio queste le professionalità di cui il tessuto produttivo è più carente.
Sono alcuni dei dati emersi nel corso del convegno "Cultura tecnico scientifica, ricerca, competitività: il ruolo del Fondo Sociale Europeo tra vecchia e nuova programmazione" svoltosi ad Assergi (L'Aquila) presso i Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell'Istituto Nazionale d Fisica Nucleare (INFN).
Un'occasione per il presidente dell'Infn, Roberto Petronzio, di sottolineare come il partenariato con la Regione Abruzzo, nell'attuazione del Por 2000/2006, abbia rappresentato un'esperienza pilota tra le collaborazioni tra INFN e sistema produttivo.
D'altra parte con le risorse del Fondo Sociale Europeo, ha ricordato Philippe Hatt, capo della divisione Occupazione Affari Sociali e Pari Opportunità della Commissione Europea, 9 milioni di giovani sono stati formati in Europa nel periodo 2001/2006, 2 milioni hanno trovato occupazione al termine delle attività di formazione.
Il numero dei giovani che hanno potuto beneficiare del programma in Abruzzo è significativo: sono stati 5.000 su una popolazione di 98.895 ragazzi tra i 24 e i 29 anni.
Ogni anno i diplomati sono l'88% dei diciannovenni (13.200 nel 2006) di cui il 75% si iscrive all'università.
I laureati in discipline tecnico-scientifiche (scienze biologiche, fisica, matematica, statistica, informatica, ingegneria, discipline economico-aziendali, architettura), sono però ancora pochi: il 30% in meno rispetto alla media nazionale e il 50% in meno rispetto al dato europeo.
Dal Rapporto Svimez 2007 - che misura la competitività dell'Italia rispetto ai Paesi dell'UE a 27 – emerge un quadro di debolezza dell'Italia.
L'Abruzzo conferma il dato nazionale.
Se il tasso di disoccupazione 2006 (6.5%) è diminuito rispetto al 2005
(7.9%) ed è cresciuta l'internazionalizzazione (+0.9%), l'indice relativo a innovazione e ricerca & sviluppo mostra una diminuzione importante.
Parla chiaro il numero di brevetti: in Italia ne sono depositati 4,3 ogni milione di abitanti, in Abruzzo 1,9 (11° posto tra le regioni).
Nonostante un numero elevato di imprese innovatrici, le spese cono contenute perché mancano le risorse: l'Abruzzo attrae solo l'1,7% della spesa nazionale in Ricerca e Sviluppo, l'1,3% di quella delle amministrazioni pubbliche, il 2,2% di quella dell'Università; infine, lo 0,5% di quella relativa a istituzioni private no-profit e l'1.6% di quella per le imprese.

05/02/2008 9.38