Gestione della costa. Wwf:«serve una soluzione non rimedi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1901

Gestione della costa. Wwf:«serve una soluzione non rimedi»
ABRUZZO. Il prossimo martedì 5 febbraio la Direzione dei Lavori Pubblici della Giunta Regionale ha convocato presso il Servizio Opere Marittime e Qualità delle Acque Marine a Pescara una riunione per discutere sugli interventi riguardanti il rafforzamento dei dispositivi di difesa costiera. In occasione di questo nuovo incontro il WWF torna ad avanzare le sue richieste. PESCARA. PIANO DEMANIALE, LA FIBA PRESENTA RICORSO AL TAR
«Purtroppo si continuano a proporre rimedi e non soluzioni», dichiara Dante Caserta, Presidente WWF Abruzzo.
«I problemi della costa», dice, «vanno affrontati non in maniera isolata, ma con un approccio ecologico all'interno dei bacini idrografici. L'erosione costiera nasce dalla cattiva gestione dei nostri fiumi che non trasportano più sedimenti e dalla continua invasione di nuove costruzioni a ridosso del mare. Lo scorso 10 gennaio a Bruxelles la Commissione Europea ha comunicato che, a breve, uscirà una direttiva europea sulla Strategia Marina con la quale la Unione Europea obbligherà gli Stati membri ad avere un approccio ecologico alla gestione degli usi delle risorse naturali marine e costiere, assegnando a questi usi pari dignità e puntando all'arretramento dell'urbanizzato ed in generale delle attività dell'uomo dalla linea di costa».
L'Abruzzo si era dotato, negli anni passati di uno strumento molto interessante e per certi versi innovatore, il progetto Ricama, finanziato con fondi Life dell'Unione Europea.
Le conclusioni di questo progetto non sono mai state applicate nella loro totalità: la rigenerazione e riqualificazione costiera sono rimaste inapplicate, così come l'arretramento dell'urbanizzato.
Al contrario la nostra Regione vede continue nuove minacce alla sua costa come il Centro Oli dell'ENI ad Ortona o l'ampliamento del porto e dello Stabilimento della Fox petroli a Vasto.

«Alla Regione Abruzzo», spiega Andrea Natale, responsabile Gruppo Mare del WWF Abruzzo, «rinnoviamo le richieste fatte in passato, un vero e proprio decalogo per la gestione costiera».
Le regole che dovrebbero essere applicate son ole seguenti:

1. Elaborare una legge regionale sulla gestione sostenibile ed integrata della costa e del mare che applichi i principi e le linee guida per la gestione integrata della zona costiera, e che completi finalmente le indicazioni del Progetto RICAMA.
2. Istituire un Osservatorio regionale sulla sostenibilità costiera che preveda un forum permanente di tutti i portatori di interesse e che aiuti i comuni a redigere piani di gestione costiera integrati tra loro.
3. Rinaturalizzare e rifunzionalizzare i fiumi, aumentando anche il carico dei sedimenti trasportati a mare, obbligando i gestori degli impianti con dighe e sbarramenti, oltre a rilasciare acqua sufficiente per il minimo deflusso vitale, anche a prevedere sistemi di rilascio dei sedimenti intrappolati da dette opere.
4. Normare le attività estrattive con un piano regionale di gestione sostenibile delle attività estrattive.
5. Vietare la costruzione di nuove opere di regimazione e controllo delle portate dei fiumi (briglie, sbarramenti, dighe).
6. Inserire nel calcolo della vulnerabilità costiera le previsioni degli scenari di innalzamento del livello medio marino derivante dai cambiamenti climatici (Progetto ICRAM - CNR), predisponendo un conseguente piano regionale di arretramento degli insediamenti costieri.
7. Realizzare opere di difesa costiera solo nelle aree prospicienti le zone già antropizzate, escludendo le zone prospicienti aree naturali protette e Siti Natura 2000.
8. Realizzare un sistema integrato di opere di difesa costiera che preveda la rinaturalizzazione ed il recupero della dinamiche e della funzionalità ecologica naturale, tramite opere di ingegneria naturalistica ed interventi di ripascimento morbidi.
9. Applicare la parte sull'ambiente marino-costiero della Direttiva quadro sulle acque del 2000, sul modello di quanto fatto da altri Stati europei.
10. Far in modo che eventuali nuovi stabilimenti balneari siano realizzati secondo canoni di temporaneità e sostenibilità reale.

02/02/2008 13.58
[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=13155]LA COSTA DEVASTATA DALLA "ECONOMIA DI RAPINA"[/url]
[pagebreak]
PESCARA. PIANO DEMANIALE, LA FIBA PRESENTA RICORSO AL TAR

PESCARA. La Fiba Confesercenti presenterà ricorso al Tar contro il Piano demaniale marittimo, approvato dal consiglio comunale di Pescara e pubblicato sul Bura il 28 dicembre scorso.
Il ricorso sara' presentato nelle prossime settimane, a cura dell'avvocato Ottavio Di Stanislao, come è stato annunciato nel corso di un'assemblea dei balneatori alla quale hanno partecipato, per il comune di Pescara, l'assessore Massimo Luciani e il consigliere comunale Enzo Del Vecchio.
Illustrando alcuni articoli del piano, Ottavio Di Stanislao, consulente dell'associazione di categoria, ha affermato che i balneatori avranno a che fare con una normativa molto restrittiva, più di quella regionale che lascia un certo margine.
Per alcuni articoli del Piano e' stata promossa la ripubblicazione, per cui sarà possibile presentare delle osservazioni, ma i balneatori ritengono che si tratti solo di aspetti marginali.
Gli articoli contestati sono principalmente tre: «la rimozione entro il 2010 delle cabine che andranno portate in adiacenza ai locali, al fine concentrare la superficie dello stabilimento nel 25% che la legge impone, il divieto di chiusura dei porticati e l'apertura di un corridoio doppio con il mare di 5 metri di larghezza».
«Si tratta, in tutti e tre i casi», spiega la Fiba, «di modifiche in pejus del Piano Demaniale Comunale e chiediamo con forza a tutti i consiglieri comunali di dare un segnale di distensione alla categoria respingendo le modifiche al piano evitando di mortificare ulteriormente il turismo balneare cittadino».

02/02/2008 13.52