Abruzzo: il 90% dei 19enni ha un diploma

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

602

ABRUZZO. Il mondo della scuola nei numeri del Miur che traccia una panoramica anche della nostra regione. Sono molte le scoperte, qualcuna anche molto piacevole. Ecco la documentazione completa.

ABRUZZO. Il mondo della scuola nei numeri del Miur che traccia una panoramica anche della nostra regione. Sono molte le scoperte, qualcuna anche molto piacevole. Ecco la documentazione completa.





La scuola in cifre, ovvero il rendiconto di fine anno del Miur per verificare il numero di ragazzi che si iscrive a scuola  , le risorse delle scuole e i risultati scolastici .

 Gli studenti abruzzesi ne escono ampiamente promossi: il 90% dei diciannovenni possiede un diploma.



LA SCUOLA PER L'INFANZIA .
Quelle che offrono il servizio di mensa in Abruzzo nell'anno scolastico 2003/2004 sono il 99, 2%. I genitori possono essere quindi molto soddisfatti per un servizio che con il passare degli anni si è incrementato per rispondere alle richieste da parte delle famiglie. Il servizio di mensa è infatti indispensabile per attuare un tempo lungo di permanenzadei bambini a scuola.

LA SCUOLA PRIMARIA.
Gli iscritti alle scuole primaria statale 2003/2004 sono stati in Abruzzo 57.093 l'1,0% in meno rispetto all'anno scolastico precedente. Una inversione di tendenza per gli iscritti al primo anno dove si registra un aumento del 3,3% causato anche dall'effetto della riforma del I ciclo che ha consentito, anche ai bambini con meno di 6 anni, di iscriversi alla scuola primaria.

LA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO (11-13 ANNI)
Dall'A.S. 1994/1995 all'A.S. 1999/2000 questo livello scolastico ha “perso” circa 180.000 studenti
(–9,1%); a partire dall'A.S. 1999/2000 la diminuzione degli iscritti si è arrestata e il numero degli
alunni è rimasto pressoché costante. In Abruzzo sono stati 39.497 gli studenti iscritti (-0,4%) rispetto all'anno accademico precedente. Il primo anno ha visto invece un aumento dello 0,6% delle iscrizioni con un numero medio di 20 studenti per classe. Sulla base delle previsioni della popolazione diffuse dall'ISTAT, si può ipotizzare che i ragazzi di 11- 13 anni che nell'A.S. 2010/2011 frequenteranno la scuola secondaria di I grado diminuiranno di
circa 6 punti percentuali, una contrazione dovuta esclusivamente alle regioni del Sud
(–14,2%) e delle Isole (–15%).

SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO
A seguito dei processi di riforma che hanno investito il sistema educativo nel nostro Paese, negli
ultimi cinque anni, il tasso di scolarità dei giovani di età compresa tra i 15 e i 18 anni è in forte
aumento, e nel 2003/2004 si attesta al 82,5%. La Riforma in atto vuole assicurare in
particolare a questa fascia d'età, attraverso la realizzazione di una pluralità di percorsi formativi,
l'esercizio del diritto-dovere all'istruzione e alla formazione fino a 18 anni o fino al conseguimento
di una qualifica.
In Abruzzo nell'anno scolastico 2003/04 si è registrato un calo dello 0,2% delle iscrizioni con una media di 22 alunni per classe. Il 2,1% di studenti iscritti non possiede la cittadinanza italiana: si conferma, così, il trend fortemente positivo di questo fenomeno che negli ultimi anni ha interessato tutti i livelli di scuola anche quelli meno frequentati in passato..
Gli alunni bocciati sono stati il 13,9% (in perfetta media italiana 13,8%). 78 ragazzi su 100 in Abruzzo riescono a conseguire il diploma , percentuale molto buona (ultima in classifica la Valle D'Aosta con il solo 62% di ragazzi che riesce a completare gli studi). I risultati dei licei risentono delle dinamiche di autoselezione degli studenti: i ragazzi che si iscrivono e portano a termine gli studi liceali sono, infatti, coloro che hanno già conseguito i risultati migliori agli esami di licenza media.
E l'Abruzzo è tra le primissime regioni per numero di diplomati: su 100 ragazzi di 19 anni ben 90,6 hanno un diploma, contro il 68,5 di Lombardia, 78,4% Emilia Romagna, 75% Liguria.

29/12/2005 9.56