Nasce il tavolo per la revisione della legge sull’artigianato

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

988

Si è insediato ieri, nella sede dell'Assessorato alle Attività Produttive e all'Innovazione in via Passolanciano, il tavolo regionale per la revisione della legge 60/96 sull'artigianato.

L'Assessore Valentina Bianchi, ha presieduto i lavori alla presenza del Direttore delle Attività produttive Alfredo Moroni, del responsabile del Servizio sviluppo artigianato Rita Panzone e dei rappresentanti del settore artigianale.

L'Assessore ha dichiarato di voler arrivare al Testo Unico dell'artigianato in tempi brevi attraverso un lavoro concertato affinché la normativa sia adeguata e rispondente alle esigenze del settore.
.
Dal canto loro gli artigiani - Casartigiani, CNA, UPA-CLAAI e Confartigianato - si sono detti «lusingati dell'invito dell'Assessore dopo tre anni inconcludenti con la precedente giunta e soddisfatti dello spirito collaborativo intrapreso dell'Assessore Valentina Bianchi, nella speranza che si arrivi, non solo alla stesura del Testo Unico, ma all'insediamento di un tavolo permanente tra Regione e artigiani, un comparto che conta ben 34 mila imprese con 84 mila occupati in Abruzzo».

Nel secondo incontro, svoltosi questa mattina, l'Assessore Valentina Bianchi ha incontrato tutte le sigle sindacali regionali, i rappresentanti dei metalmeccanici e delle RSU regionali, soddisfatti della disponibilità immediata dell'Assessore Bianchi e delle risultanze della riunione.

Si è partiti dalla vicenda Denso di S. Salvo (che sta studiando un piano di ristrutturazione che prevede la mobilità subito per 100 operai e per altri 360 in una seconda fase) per giungere ad affrontare le problematiche più generali «in una zona dell'Abruzzo –– ha detto Bianchi – dove l'impatto occupazionale nell'industria è molto forte e dove è necessario avviare nuovi processi di sviluppo che coinvolgano e aprano maggiormente al territorio e dove è necessario che si lavori con un'azione sinergica tra Regione, Province, Comuni, Governo Centrale, Sindacati e Confindustria, ognuno con le sue competenze».

In tal senso, i rappresentanti del mondo sindacale si sono dichiarati d'accordo in tema di «Responsabilità sociale dell'impresa» chiamato in causa proprio in relazione alla vicenda Denso, tema per il quale l'Assessore Bianchi ha annunciato la proposta di legge che sarà presentata insieme al consigliere regionale Antonio Boschetti.
23/12/2005 16.48