L’Europa ha approvato il piano di sviluppo rurale dell’Abruzzo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1173

BRUXELLES. Questa mattina a Bruxelles il comitato Star (organismo europeo deputato alla valutazione dei Piani di Sviluppo Rurale) ha approvato all’unanimità e in via definitiva il PSR della Regione Abruzzo.
In altri termini, il principale strumento di programmazione a favore del sistema agricolo e agroindustriale per i prossimi anni, non sarà più sottoposto a valutazioni nel merito e tra circa un mese potrà dirsi pienamente operativo.
Trenta giorni rappresentano infatti i tempi tecnici necessari affinché il Piano di Sviluppo Rurale possa passare alla fase attuativa, ma nel frattempo, ha detto l'assessore regionale all'Agricoltura Marco Verticelli, «lavoreremo per predisporre i bandi, che dovranno essere frutto di confronto e concertazione con le organizzazioni professionali, il mondo della cooperazione e, più in generale, con i protagonisti del sistema agricolo e rurale della regione».
Il nuovo Piano di Sviluppo Rurale prevede 400 milioni di euro di intervento pubblico, legato ai fondi comunitari per l'agroalimentare, che mobiliteranno investimenti e risorse per circa un miliardo di euro.
«Tutto il Programma», ha aggiunto Verticelli, «è improntato al cambiamento, ad un nuovo e positivo rapporto fra produttori, distribuzione e consumatori, e, fin dalla sua prima stesura, si è posto l'ambizioso obiettivo di spostare l'agricoltura dal ruolo residuale tradizionalmente assegnatogli, verso una posizione di primo piano, dove gli strumenti pubblici non siano semplicemente erogatori di provvidenze, bensì promotori di politiche e strategie. In tale ottica la via tracciata dal PSR si articola in crescita economica, occupazione, competitività e sviluppo sostenibile, innovando profondamente e puntando su politiche di sostegno all'azienda e sulla tutela e valorizzazione di tutte le peculiarità produttive, paesaggistiche e storiche del mondo rurale».
«Esprimo grande soddisfazione e contestualmente ringrazio tutti coloro che hanno concorso al raggiungimento di tale risultato. : voglio infatti sottolineare», ha aggiunto Verticelli, «che il nostro “non è un piano fotocopia”. Non ci siamo limitati ad adattare delle norme alla nostra realtà regionale, ma abbiamo inteso proporre un programma che avesse una forte valenza strategica, frutto di un lungo e laborioso lavoro di consultazione con ben 125 interlocutori».
19/12/2007 16.00