Aiuti di Stato alle imprese abruzzesi in aree depresse e non

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2194

ABRUZZO. Le imprese abruzzesi beneficeranno delle agevolazioni previste dalla deroga dell'articolo 87.3c del Trattato di Roma. La Commissione Europea, infatti, ha approvato la Carta italiana degli aiuti di Stato a finalità regionale per il periodo 2007-2013 dal momento che la precedente era scaduta il 31 dicembre 2006.
L'approvazione della Carta degli Aiuti di Stato, unica per tutta Italia, è un atto propedeutico dal quale dipende, tra l'atro, l'operatività di alcune importanti norme di agevolazione, quali ad esempio il credito d'imposta agli investimenti, nonchè altri aiuti regionali, nelle aree dell'obiettivo Convergenza ammesse alla deroga dell'articolo 87.3.a ed in quelle dell'obiettivo Competitività ammesse alla deroga dell'articolo 87.3.c fino al 31 dicembre 2013 ovvero a titolo di pashing-out (zone a sostegno transitorio) fino al 31 dicembre 2008.
Ad illustrare i contenuti della nuova Carta, sono state, questa mattina, l'assessore alle Attività Produttive, Valentina Bianchi, e Tiziana Arista, dirigente del servizio Programmazione, nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta in viale Bovio.

CIRCA 275MILA ABITANTI NELLE ZONE DEPRESSE ABRUZZESI

Per l'Abruzzo la popolazione candidata alla deroga 87.3c fino al 31 dicembre 2013 è di 275.228 abitanti e di 303.222 abitanti fino al 1 gennaio 2009 (pashing out).
Si tratta di aiuti a finalità regionale che possono essere concessi a grandi, medie e piccole imprese e riguardano investimenti che promuovono l'ampliamento, la razionalizzazione, l'ammodernamento e la diversificazione delle attività delle imprese ubicate nelle regioni più sfavorite in particolare incoraggiando l'insediamento di nuovi stabilimenti.
L'intensità degli aiuti agli investimenti, a seconda del territorio sul quale le aziende operano, varia dal 10% al 15% per le grandi imprese, dal 10% al 25% per le medie imprese e dal 20% al 35% per le piccole imprese.
Inoltre, gli aiuti in "de minimis", quelli di importanza minore, il cui tetto massimo è stato portato a 200 mila euro rispetto ai 100 mila del regime precedente, sono erogabili su tutto il territorio.

AIUTI ALLE AZIENDE ANCHE NELLE ZONE NON DEPRESSE: GLI AIUTI ORIZZONTALI

Anche le piccole e medie imprese ricadenti in zone non assistite possono ottenere aiuti agli investimenti iniziali poiché non ci sono solo gli aiuti a finalità regionale ma anche gli aiuti orizzontali (per gli investimenti delle piccole e medie imprese ma anche per difesa dell'ambiente, ricerca-sviluppo e innovazione, occupazione, formazione, capitale di rischio, servizi di interesse economico generale, salvataggi e ristrutturazione di imprese in difficoltà) e quelli settoriali (produzioni audiovisive, radiotelevisione, industria petrolifera, servizi postali, elettricità e costruzioni navali).
Infatti, siderurgia, fibre sintetiche, agricoltura-silvicoltura-pesca e acquicoltura e trasporto hanno regolamentazioni specifiche. Per cui, nelle zone assistite, le piccole e medie imprese possono ottenere tutti gli aiuti orizzontali e quelli a finalità regionale di intensità maggiore che nelle zone non assistite mentre alle grandi imprese possono essere concessi sia gli aiuti a finalità regionale che gli aiuti orizzontali.
Per quanto riguarda, poi, le zone non assistite, le piccole e medie imprese possono ottenere ugualmente tutti gli aiuti orizzontali e gli aiuti agli investimenti, anche se con intensità minore.
Alle grandi imprese, invece, è possibile concedere solo aiuti orizzontali. Gli aiuti che, invece, non si possono concedere in alcun modo, né dentro né fuori delle zone assistite, sono gli aiuti al funzionamento e gli aiuti al mantenimento dell'occupazione.


124 COMUNI INTERESSATI: ECCOLI

Dei 124 comuni interessati, ben 62 rientrano integralmente negli aiuti mentre per gli altri saranno beneficiarie varie sezioni censuarie. Si tratta di Arielli, Atessa, Canosa Sannita, Casacanditella, Casalbordino, Casalincontrada, Castelfrentano, Chieti, Crecchio, Cupello, Dogliola, Fara S.Martino, Filetto, Fresagrandinaria, Gissi, Guardiagrele, Lanciano, Lentella, Monteodorisio, Mozzagrogna, Orsogna, Ortona, Paglieta, Palombaro, Pennapiedimonte, Poggiofiorito, Pretoro, Rapino, Roccamontepiano, San Giovanni Teatino, San Martino sulla Marrucina, San Salvo, Scerni, Vacri, Vasto e Villamagna per la provincia di Chieti; di Aielli, Avezzano, Barete, Barisciano, Cagnano Amiterno, Canestro, Carsoli, Castel di Sangro, Celano, Civita d'Antino, Civitella Roveto, Cocullo, Collelongo, Corfinio, Fagnano Alto, Fontecchio, Fossa, Gioia dei Marsi, Goriano Sicoli, L'Aquila, Lecce nei Marsi, Luco dei Marsi, Lucoli, Magliano dei Marsi, Massa d'Albe, Morino, Ocre, Oricola, Ortona dei Marsi, Ortucchio, Pereto, Pescina, Pizzoli, Poggio Picenze, Pratola Peligna, Prezza, Raiano, San Benedetto dei Marsi, San Demetrio nei Vestini, San Vincenzo Valle Roveto, Sante Marie, Sant'Eusanio Forconese, Scoppito, Scurcola Marsicana, Sulmona, Tagliacozzo, Tornimparte, Tra sacco e Vittorito per la provincia dell'Aquila; di Alanno, Bolognano, Bussi sul Tirino, Cappelle sul Tavo, Castiglione a Casauria, Cepagatti, Città S.Angelo, Collecorvino, Loreto Aprutino, Manoppello, Moscufo, Penne, Pescara, Pianella, Popoli, Rosciano, San Valentino, Scafa, Spoltore, Tocco da Casauria, Torre dei Passeri e Turrivalignani per la provincia di Pescara e di Ancarano, Atri, Bellante, Castellalto, Colonnella, Controguerra, Corropoli, Giulianova, Morro d'Oro, Mosciano Sant'Angelo, Nereto, Notaresco, Pineto, Roseto degli Abruzzi, Sant'Egidio alla Vibrata, Sant'Omero, Tortoreto per quella di Teramo.

07/12/2007 15.41