Giochi Mediterraneo, Aracu: «c'è l'incognita del villaggio»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1507

PESCARA. L'assemblea generale del Comitato Internazionale dei Giochi del Mediterraneo (Cijm) si riunirà in Abruzzo nei prossimi giorni con due obiettivi: verificare a che punto sono i lavori e l'organizzazione di "Pescara 2009" e decidere quale sarà la città che ospiterà i Giochi nella prossima edizione, in programma nel 2013. La più grande incognita resta il villaggio degli atleti di Chieti.
Sono tre le città che puntano ad essere sede dei Giochi: Mersin (Turchia), Rijeka (Croazia) e Volos (Grecia), e per presentare la propria candidatura ognuno dei tre centri allestirà, giovedì, degli stand all'hotel President.
Venerdì mattina (dalle 8.30 in poi) è in programma una visita agli impianti realizzati in Abruzzo: i componenti dell'assemblea generale del Cijm raggiungeranno prima il Villaggio Mediterraneo e il Palatricalle di Chieti, poi lo stadio di Pescara, poi il palasport Giovanni Paolo II e il pattinodromo Febo di Pescara e infine le piscine Le Naiadi, sempre nel capoluogo adriatico.
Nel pomeriggio di venerdì (ore 15) ci sarà una riunione congiunta del Cijm e del Comitato organizzatore di Pescara 2009 (Cojm Pescara), cui seguirà una cena ufficiale.
Sabato pomeriggio (ore 15) è prevista la votazione sulla città che sarà la prossima sede dei Giochi.
Annunciando la scaletta degli appuntamenti (i primi arrivi sono previsti oggi), il presidente del comitato organizzatore di Pescara 2009, Sabatino Aracu, ha sottolineato che questa sarà «una settimana importantissima con il lancio vero per i Giochi del 2009. In Abruzzo arriveranno personaggi di spicco».
Per Aracu la «preoccupazione più grossa per Pescara 2009 è il villaggio di Chieti, per il quale si attende di vedere l'ultima pietra.
«Da ora non si può più scherzare e tutti dobbiamo fare uno scatto di responsabilità perchè i riflettori si accenderanno sull'Abruzzo».
A guidare i lavori del Cijm ci sarà il presidente Amar Addadi, che sabato pomeriggio, alle 18, terrà una conferenza stampa conclusiva.

23/10/2007 9.01