I Russi in Abruzzo, Del Turco: «qui fa freddo, dipendiamo dal vostro gas»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1187

L'AQUILA. Con «un pizzico di rimpianto per non aver potuto apprezzare gli scritti di Lenin e le poesie di Puskin in lingua originale», il presidente della Regione, Ottaviano Del Turco, ha ricevuto, ieri a palazzo Centi, una delegazione russa di professionisti e imprenditori, ospiti di "Abruzzo made in Italy", Programmi di marketing territoriale dell'assessorato alle Attività produttive e all'Innovazione della Regione Abruzzo. A fianco del presidente del Turco, l'assessore al ramo, Valentina Bianchi, che ha illustrato le potenzialità di Telespazio, nel Fucino, prima tappa ufficiale, in mattinata, della delegazione russa.
«La Regione - ha detto la Bianchi - ha investito molto sul progetto Galileo, che rappresenta la massima espressione delle telecomunicazioni in Europa. Il nostro obiettivo è quello di creare un avanzato centro ricerca software ed hardware in grado di gestire i servizi satellitari nel controllo di trasporti, mobilità e territorio.
L'Abruzzo - ha aggiunto l'assessore alle Attività produttive - è molto avanti nello sviluppo elettronico tanto che la Micron, colosso americano che ha rilevato la Texas Instruments, ha deciso di investire
3 miliardi di euro per raddoppiare il già esistente stabilimento di Avezzano».
La Bianchi ha anche sottolineato l'importanza strategica che l'Abruzzo ha nei collegamenti via terra e via mare tra l'Italia ed il resto d'Europa. «Offriamo incentivi alle imprese - ha concluso - in un ambiente non contaminato da criminalità e inquinamento e, come Regione verde d'Europa, puntiamo particolarmente alla tutela del territorio e allo sviluppo di fonti alternative di energia». Nel pomeriggio la delegazione russa ha visitato Santo Stefano di Sessanio. «Sarà come immergersi nell'atmosfera di mille anni fa - ha detto il presidente Del Turco prima di arrivare nel comune- Lì fà molto freddo e per scaldarci dipendiamo dal vostro gas. Quindi - ha suggerito - votate governanti che non ci prendano per il freddo». La delegazione ospite, composta da molti produttori di beni e servizi, si fermerà in Abruzzo fino a giovedì 4 ottobre. Previsto per oggi pomeriggio l'incontro con rappresentanti dei settori immobiliare, enogastronomico, artigianale, industriale ed alberghiero. A novembre, gli imprenditori abruzzesi contraccambieranno la visita in Russia, gettando le basi per concreti scambi commerciali.

02/10/2007 10.46